Un premio speciale ad Annalisa, la dottoressa che scoprì il Coronavirus (ignorando le regole)

La dottoressa certificò il Covid nel paziente 1 di Codogno. A lei il premio Rosa Camuna

La dottoressa Malara

Un modo per riconoscere la sua "impresa", che ha evitato una tragedia ancora più grande. Un modo per dire grazie a lei e a tutti i suoi colleghi che hanno combattuto in prima linea. Il premio Rosa Camuna del 2020, il più alto riconoscimento assegnato da regione Lombardia, va alla dottoressa Annalisa Malara, l'anestesista che lo scorso 20 febbraio certificò il primo caso di Coronavirus in Lombardia riscontrando la positività in Mattia, l'ormai famoso paziente 1. 

"Infrangendo un protocollo sanitario, sottopose Mattia al test del tampone, scoprendo così il primo paziente italiano positivo al virus", ha sottolineato il presidente lombardo, Attilio Fontana, dando l'annuncio del riconoscimento. 

"Fu grazie alla sua audacia se l’Italia e l’Intera Europa ricevettero l’allarme e furono messi nella condizione di frenare la diffusione del virus, che ahimè nella nostra regione, abbiamo scoperto più tardi, viaggiava invece indisturbato da almeno un mese prima", ha proseguito il governatore, sottolineando che "le indicazioni dell’Oms prevedevano di eseguire i test tamponi alle sole persone provenienti dalla Cina".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E quel tampone fatto "in barba" alle regole è stato provvidenziale. "Quella intuizione della dottoressa Malara ha cambiato il corso di una storia che sarebbe potuta essere ancora più drammatica di quanto non sia stata - ha evidenziato Fontana -. Per questo a lei il riconoscimento Rosa Camuna di Regione Lombardia che simbolicamente va a tutti i medici e gli operatori sanitari, che da quel giorno, hanno combattuto una lotta generosa, professionale e senza risparmio al virus".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sopra il cielo di Monza, la magia della stella cometa Neowise

  • Incidente in tangenziale Nord, auto perde controllo e si schianta: tre ragazzi feriti

  • Trenta ragazzi al parchetto, arriva la polizia locale: due denunce e polemiche sui social

  • Non compila autocertificazione, infermiera non entra in piscina: "Io discriminata"

  • "Mi hanno rubato tutto" e sui social scatta la gara di solidarietà per aiutare artigiana

  • Schianto in moto sulle strade del Trentino, morto 43enne di Cesano Maderno

Torna su
MonzaToday è in caricamento