All'ospedale di Vimercate 39 nuovi medici e infermieri per la lotta al coronavirus

Intanto le donazioni a favore dell'ASST per fronteggiare l'emergenza sanitaria hanno raggiunto quota 340.000 euro

Nuovi medici per fronteggiare l'emergenza coronavirus all'ospedale di Vimercate. Nel presidio ospedalieri brianzolo sono entrati in servizio trentanove nuovi professionisti sanitari.

Si tratta di "incarichi straordinari conferiti a personale medico, infermieristico e tecnico-sanitario" spiegano dalla Asst di via Cosma e Damiano, operatori che provengono dal territorio, ma anche personale reclutato da fuori provincia e regione.

Sei nuovi medici sono stati assunti: hanno preso servizio due medici del lavoro, un medico per la medicina d'urgenza che sarà operativo presso il Pronto Soccorso e due medici anestesisti. A loro si aggiunge un professionista di ematologia clinico e di laboratorio che ha deciso di impegnarsi come medico volontario.

Quindici, invece, gli infermieri incaricati e quattrodici gli operatori socio-sanitari. Per completare l'organico in un momento di forte pressione sono stati assunti anche quattro tecnici di laboratorio biochimico.

Insieme alle risorse impegnate per fronteggiare l'emergenza legata alla diffusione dell'epidemia di Covid-19, crescono anche le donazioni che hanno raggiunto quota 340mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Crocerossine in corsia al San Gerardo

All'ospedale San Gerardo di Monza invece per supportare il lavoro del personale medico e infermieristico hanno deciso di offrire un contributo le Crocerossine della Cri di Monza. Le cinque infermiere speciali sono impegnate a turnazione per dare supporto al personale sanitario in servizio all'ospedale che attualmente è sovraccarico di lavoro. Si occupano di sistemare i letti dei pazienti, della biancheria, della somministrazione dei pasti e dell'igiene delle persone ricoverate. "Siamo in guerra - commentano le Crocerossine -. Siamo nate durante il terremoto di Messina, siamo state presenti durante la Prima e Secondo Guerra Mondiale. E adesso siamo di nuovo sul campo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "C'è un serpente nel mio giardino": chiama l'Enpa ma i volontari lo trovano morto con ferita in testa

  • Lite tra automobilisti degenera, agenti aggrediti all'incrocio: quattro denunce

  • Positivo al Covid esce e va in giro: uomo denunciato per 'diffusione di malattia infettiva'

  • Forti temporali e maltempo, allerta "arancione" a Monza e Brianza

  • Il bando per arruolare 60mila assistenti civici: saranno i 'controllori' (volontari) della Fase 2

  • Esce di casa per una gita ma non torna, giornalista brianzolo trovato senza vita in un dirupo

Torna su
MonzaToday è in caricamento