Via i monopattini elettrici dalle strade di Monza entro 24 ore: la decisione

Diffida da parte del comune alla società che gestisce il servizio: dovrà rimuovere i mezzi elettrici dalle strade della città

Foto archivio

Così come sono comparsi nelle strade di Monza, dovranno sparire. Il comune dice no ai monopattini elettrici nel capoluogo brianzolo. Almeno fino a quando non sarà pronto il bando necessario e saranno posizionati i cartelli previsti per legge. Da Piazza Trento e Trieste fanno sapere che entro giovedì verrà inviata una diffida alla società “GoVolt” che ha distribuito lungo le vie del capoluogo brianzolo le postazioni di monopattini elettrici in condivisione. E i mezzi dovranno sparire entro ventiquattro ore perchè il documento vieta all’operatore di continuare l’attività di noleggio.

“Siamo convinti che la sharing mobility debba diffondersi in città, ma lo debba fare in modo sicuro, ordinato e utile – ha chiarito Federico Arena, Assessore alla Mobilità. La micromobilità elettrica è un’opportunità importante, complementare e sinergica al trasporto pubblico locale e alle altre forme di mobilità sostenibile. Ma non dobbiamo dimenticarci che questi mezzi non sono un giocattolo e l’utilizzo deve essere subordinato a regole chiare e precise, nel rispetto del codice della strada”.

Cosa dice la legge

Secondo il decreto sulla micro-mobilità elettrica firmato lo scorso giugno dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli, i monopattini potranno circolare in ambito urbano su aree e percorsi pedonali, piste ciclabili, zone ZTL e aree con limite a 30 chilometri l’ora. Ciò può avvenire solo in aree individuate dai Comuni. Pertanto in assenza di uno specifico atto comunale che avvii la fase di sperimentazione restano in vigore le regole del codice della strada e chi utilizza i monopattini va incontro a sanzioni amministrative.

La sperimentazione tra la stazione, il centro e il Parco

L’idea del Comune di Monza è promuovere una fase di sperimentazione in un’area di test che potrebbe coinvolgere la stazione ferroviaria, il centro storico, il parco e l’autodromo. “L’obiettivo è quello di giungere quanto prima alla fase di sperimentazione - conclude Federico Arena – in vista di un possibile inserimento dei mezzi di micromobilità elettrica nella legislazione nazionale e nel codice della Strada. Nelle prossime settimane metteremo nero su bianco con un atto le regole per Monza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fa la spesa e paga con bancomat rubato poi lo nasconde nelle mutande: denunciato

  • Prostituzione e atti osceni nel parcheggio, maxi controllo dei carabinieri al Colleoni

  • Tragedia in stazione, ragazzo travolto dal treno mentre attraversa i binari: linea bloccata

  • Cosa fare a Monza e in Brianza nel weekend: mercatini, nuove mostre ed eventi per bambini

  • Incidente sul lavoro in fabbrica a Biassono, operaio si ferisce alla mano con la fresa

  • Usmate Velate, schianto tra due auto sulla provinciale: morto un ragazzo di 26 anni

Torna su
MonzaToday è in caricamento