Ospedali della Brianza all'avanguardia: l'intelligenza artificiale all'Asst di Vimercate

Il progetto dovrebbe essere pienamente operativo nel corso del prossimo biennio

Immagine repertorio

L'intelligenza artificiale arriva negli ospedali dell'Asst di Vimercate. La sperimentazione, avviata nel novembre scorso, con la partnership decisiva di Almaviva, realtà italiana leader nell’ICT (Information Communication Technology), è finalizzata “allo sviluppo di algoritmi – racconta Giovanni Delgrossi, Direttore dei Sistemi Informativi dell’Asst – che consentano di definire modelli predittivi nel campo, ad esempio, delle malattie croniche e delle complicanze post operatorie”.

Si tratta di realizzare una piattaforma tecnologica in grado di leggere e interpretare l’enorme mole di dati acquisti durante l’intero percorso ospedaliero del paziente e conservato nella cartella clinica elettronica, strumento, quest’ultimo, che è stato introdotto a Vimercate (primo ospedale in Lombardia e tra i primi in Italia) a partire dal 2008. L’innovazione ha comportato “la completa digitalizzazione – aggiunge Delgrossi – dei processi clinici e strumentali, la totale automazione del processo di farmacoterapia, dei parametri vitali e dei bisogni assistenziali del paziente, rendendo disponibile non solo una architettura software che agevola l’accesso sicuro e in tempo reale ai dati clinici del malato, ma anche una infrastruttura tecnologica che supporta gli specialisti direttamente al letto del degente”.

Piace segnalare che qualche settimana fa la Società Deloitte, fra le prime quattro aziende al mondo di servizi di consulenza e revisione, particolarmente impegnata nel campo della consulenza informatica in ambito sanitario, ha visitato l’Ospedale di Vimercate (unica struttura pubblica in Italia ad essere visitata) per verificare lo stato dell’arte della digitalizzazione ospedaliera, al fine di predisporre, successivamente, un report internazionale sulla sanità digitale nel mondo.

Il progetto dell’Asst, in collaborazione di Almaviva, sull’utilizzo dell’intelligenza artificiale in ospedale dovrebbe essere pienamente operativo nel corso del prossimo biennio, spiegano dalla struttura con un comunicato. Tra le prime esperienze sperimentali si sta implementando un modello predittivo in ambito diabetologico: l’obiettivo è individuare precocemente i pazienti a rischio, prevedere l’evoluzione della malattia e supportare i professionisti nella definizione della personalizzazione terapeutica, analizzando automaticamente le storie cliniche dei pazienti anche con il supporto della letteratura scientifica. “Un passaggio non di poco conto per la cosiddetta medicina di precisione – ammette il Direttore Generale dell’Asst Nunzio del Sorbo – ambito sui cui la nostra Asst vuole investire”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il ruolo di primato acquisito è motivo di orgoglio per tutti noi e nello stesso tempo conferma il contributo concreto dato al miglioramento dei servizi sanitari e alla sicurezza del paziente”, spiega Nunzio Del Sorbo, Direttore Generale dell’Azienda.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I luoghi (che non tutti conoscono) dove fare il bagno in Lombardia

  • Brugherio, incendio nella notte nella pizzeria Lo Stregone: tre famiglie evacuate

  • Coronavirus, un solo nuovo contagio a Monza: sindaco incontra i gestori dei locali

  • Spostamenti fuori regione, la Lombardia rischia di restare "chiusa" altre due settimane

  • Monza, è morta Rossana Lorenzini, la mamma di Pippo Civati

  • Il bando per arruolare 60mila assistenti civici: saranno i 'controllori' (volontari) della Fase 2

Torna su
MonzaToday è in caricamento