"Studenti in carcere": ecco il progetto del liceo Frisi di Monza

"Emarginare e immaginare": un progetto per far incontrare e far parlare i detenuti con il mondo "fuori"

Gli studenti del Frisi col sindaco

Studenti del Liceo "Frisi" in Comune. Martedì 26 febbraio il Sindaco Dario Allevi ha incontrato una quindicina di ragazze e ragazzi che hanno partecipato al progetto "Emarginare e immaginare": un percorso di alternanza scuola lavoro ("PON - Potenziamento Percorsi di Alternanza") che li ha portati a entrare in contatto con il "mondo" del carcere.

Oltre i pregiudizi e i preconcetti

"Martedì sono stato intervistato da alcuni “giornalisti” particolari, gli studenti del Liceo “Frisi”, ha commentato il Sindaco Dario Allevi. Per alcune settimane gli studenti sono entrati nella Casa circondariale e si sono confrontati con i detenuti. Obiettivo del progetto era far scoprire agli studenti come il carcere è un ambiente che presenta delle difficoltà, ma può essere anche un luogo dove si creano e si sviluppano relazioni e conoscenze, rompendo in questo modo facili pregiudizi e preconcetti. Una realtà con la quale dobbiamo dialogare perché il carcere è un piccolo Comune, il cinquantaseiesimo Comune della Provincia di Monza e Brianza".

Un protocollo per il reinserimento

Al centro dell’intervista il Protocollo d’intesa sulla "Promozione del reinserimento sociale e lavorativo dei detenuti, adulti e minorenni, degli ex detenuti e delle persone in esecuzione penale esterna" firmato dal Comune di Monza insieme a una ventina di enti territoriali nel maggio del 2018. Un documento che nasce con lo scopo di promuovere e sviluppare progetti e percorsi per favorire il reinserimento sociale del detenuto.

Fiducia, la parola chiave

"Con i ragazzi – sottolinea il Sindaco - abbiamo discusso di come avvicinare l’”universo carcere” alla realtà che c’è “fuori” e abbiamo parlato del protocollo che favorisce l’inserimento lavorativo dei detenuti firmato un anno fa dal Comune di Monza insieme a oltre venti enti e istituzioni. Dare fiducia è la parola chiave da cui partire per promuovere, nei fatti, il reinserimento sociale dei detenuti e per far parlare i due “mondi”. E, con questo progetto, un po’ di fiducia l’hanno portata in carcere gli studenti del “Frisi”".

Potrebbe interessarti

  • La scopa elettrica senza fili conviene per davvero?

  • Il colore di capelli più cool dell’estate? È l’Icy White

  • Casa piccola? Gli errori da non fare quando la si arreda

  • Mankai, il superfood che vuole sostituire la carne

I più letti della settimana

  • Malore mentre fa il bagno nell'Adda, 42enne muore dopo essere stato soccorso in acqua

  • Grosso incendio alla stazione di Monza: fumo in tutta la zona

  • Evade ma l'auto va in panne sotto il temporale, soccorso dai carabinieri e arrestato

  • Incidente in tangenziale Est a Carugate, auto finiscono fuori strada e una si ribalta: due feriti

  • Lite in piazza davanti a dieci persone, arrivano i carabinieri: arrestati due fratelli

  • Perde il controllo della moto in Valassina e cade sulla rampa a Monza: soccorso 73enne

Torna su
MonzaToday è in caricamento