La lettera di Trenord ai clienti: "Scusateci, ma siamo migliorati e siamo più puntuali di prima"

L'ad scrive ai pendolari per chiedere scusa e sottolineare i miglioramenti. Le sue parole

Un modo per rivendicare dei miglioramenti che, secondo l'azienda, sono innegabili. E un modo, apprezzabile, per chiedere scusa a chi è stato costretto a subire dei disagi. Marco Piuri, amministratore delegato di Trenord, ha preso carta e penna e ha scritto una lettera rivolta ai "propri" pendolari, concentrandosi soprattutto sui problemi dovuti al "caldo estremo". 

Gentili viaggiatori, cari clienti, i giorni di caldo eccezionale hanno messo a dura prova la pazienza di chi utilizza il servizio ferroviario in Lombardia", ha esordito il manager. Che ha poi continuato: "Io vorrei rivolgermi alle centinaia di migliaia di passeggeri, innanzitutto per esprimere le nostre scuse e il nostro rammarico, ma anche per provare a offrire alcune spiegazioni".

"Meno soppressioni e più puntualità"

"Qui facciamo i conti con limiti oggettivi dovuti all'elevata produzione ferroviaria, all'utilizzo intensivo di una flotta decisamente datata e a vincoli infrastrutturali. Ma la Trenord di oggi non è quella del 2018", ha rivendicato Piuri. "Non possono bastare pochi giorni di caldo eccezionale per vanificare quanto fatto nei primi 5 mesi di quest'anno. Le soppressioni si sono ridotte del 70% e la puntualità è migliorata di 5 punti percentuali rispetto al 2018. Siamo impegnati a consolidare questi risultati, in vista dell'arrivo dei nuovi treni che sostituiranno progressivamente i vecchi. I primi, dei 176 acquistati da Regione Lombardia, arriveranno già entro quest'anno".

"Nella settimana più calda da oltre un secolo e mezzo - ha proseguito l'ad - Trenord ha effettuato più di 2100 treni al giorno. Qualcuno ha detto che la manutenzione è stata carente: non è così. Il 40% dei treni Trenord ha più di 35 anni ed è dotato di climatizzatori aggiunti successivamente, in grado di sopportare condizioni climatiche ben più miti di quelle raggiunte in quei giorni. Il sistema infatti si blocca automaticamente quando la temperatura esterna supera i 35 gradi e le apparecchiature elettriche sfiorano i 70 gradi. Il blocco indica che i sistemi, perfettamente funzionanti, si 'auto-proteggono' dai picchi di caldo per non distruggersi. La riprova - ha assicurato Piuri - è data dal fatto che gli stessi impianti ripartono regolarmente con il calo delle temperature".

"Miglioreremo la comunicazione"

"Nessuna carenza manutentiva dunque, anzi: nei giorni di caldo intenso le nostre squadre tecniche, che avevano svolto tutte le operazioni preventive possibili, hanno garantito complessivamente oltre 2000 interventi, a ogni ora del giorno. Possiamo migliorare? Certo - ha comunque ammesso il numero uno di Trenord -. Lo dobbiamo in primis ai nostri passeggeri e continueremo a farlo, in tutti i settori. Penso in particolare alla comunicazione ai clienti, quando si verificano emergenze di questa portata. Dobbiamo diventare più tempestivi e precisi nell'offrire informazioni aggiornate sui treni e nelle stazioni, compatibilmente con la complessità del sistema che ha tempi di reazione non sempre comprimibili. Siamo fortemente impegnati su questo obiettivo, consapevoli che i nostri clienti, anche sulla comunicazione, esigono e meritano più qualità".

"Vi assicuro ogni sforzo - ha concluso Piuri - perché il vostro viaggio porti sempre più valore alla qualità della vita vostra innanzitutto, ma anche a quella di tutti".   

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Monza usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

  • Pulizie casalinghe: come va trattato il legno

  • Cosa sono i poke bowl e dove mangiarli a Monza e provincia

  • Perché le zanzare pungono determinate persone?

  • Carne equina: tutte le proprietà e dove acquistarla a Monza e provincia

I più letti della settimana

  • La Lampre cerca dipendenti e assume: ecco tutte le posizioni aperte in azienda

  • Auto avvolte e devastate dalle fiamme nel parcheggio del supermercato: pompieri al lavoro

  • Incendio a Segrate, fiamme nell'officina del rottamaio: enorme nuvola di fumo nero

  • Incidente a Monza, schianto tra una gazzella dei carabinieri e una Panda: quattro feriti

  • Incendio nel cuore della notte a Monza, evacuato un palazzo di sei piani: un intossicato

  • Carate, uomo morto da giorni in casa: trovato il cadavere in stato avanzato di decomposizione

Torna su
MonzaToday è in caricamento