Smart Today

Smart Today

A Varedo l'innovazione coinvolge anche le attività dell'oratorio

L'oratorio implementa uno speciale microchip, indossabile anche sottoforma di braccialetto, per migliorare la gestione dei bambini e delle attività ricreative

Gestire 600 ragazzi che per quattro settimane sono impegnati per tutto il giorno in giochi a squadre, uscite in piscina e gite fuoriporta è sicuramente un'impresa difficile.

Per facilitare il compito, il responsabile della pastorale giovanile di Varedo ha pensato di ricorrere alla tecnologia.

Tramite uno speciale microchip, indossabile anche sottoforma di braccialetto, da consegnare ai ragazzi infatti, l'oratorio è in grado di snellire la gestione del flusso di ragazzi all'interno della struttura e per le varie attività.

Sansone, questo il nome del dispositivo, permette di accedere all'oratorio esattamente come un badge di ingresso dato che lo si fa scorrere su un lettore all'ingresso per accedere alla struttura.

Inoltre contiene un portafoglio virtuale ricaricabile che consente ai figli di pagare i vari servizi della struttura semplicemente appoggiando il chip ad appositi lettori.
Con la stessa modalità è possibile gestire le iscrizioni a specifiche attività.

Il dispositivo non è dotato di gps e non fornisce alcun servizio di geolocalizzazione ma può essere utilizzato da parte dei genitori per verificare da remoto, tramite computer o smartphone, che il figlio sia effettivamente entrato in oratorio.

Inoltre i genitori possono controllare da casa il credito ancora disponibile sull'account del proprio figlio e provvedere a ricaricarlo proprio come si fa con i cellulari.

L'innovazione consente di snellire il lavoro degli organizzatori delle attività oratoriali affinché abbiano più tempo per dedicarsi al gioco e all'attività educativa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'obiettivo non è tanto controllare i movimenti dei bambini, ma snellire il nostro lavoro. Così abbiamo più tempo per dedicarci al gioco e all'attività educativa. E anche i ragazzi sono felici, perché non devono aspettare che un educatore li conti all'ingresso o portarsi i soldi per la merenda al bar. Sfiorano il lettore e possono subito correre sul campo da calcio o far caricare il costo del gelato sul loro conto personale" continua don Beretta.

Smart Today

Una selezione di notizie utili sull'innovazione

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
MonzaToday è in caricamento