Bando per l'assegnazione di oltre 200 alloggi tra Monza, Villasanta e Brugherio: le domande

Ecco i requisiti richiesti e le informazioni per presentare la domanda

Foto repertorio

Oltre duecento alloggi da destinare ai cittadini. Da venerdì 21 giugno fino al 4 ottobre è possibile presentare domanda per il nuovo bando di assegnazione degli alloggi dei Servizi Abitativi Pubblici.
Si tratta di 233 alloggi di proprietà dei Comuni di Monza (40) e Villasanta (5) e di Aler VA – CO – MB – BA (188). Le abitazioni sono disponibili nell’Ambito Territoriale composto dal Comune di Monza (capofila) e dai Comuni di Brugherio e di Villasanta. Su 233 unità abitative, 137 potranno essere assegnate immediatamente, mentre 96 solo a seguito di interventi di ristrutturazione o del normale turn over.

"Sulla casa è necessario un presidio forte da parte delle Amministrazioni pubbliche. La nostra azione, soprattutto in questi momenti di difficoltà economiche diffuse, prevede come obiettivo quello di pensare prima ai più deboli" ha commentato l’Assessore alle Politiche Sociali Désirée Merlini.

"Questo bando – spiega  Merlini – è una leva indispensabile per cercare di risolvere i problemi di disagio abitativo della nostra città. Ad esempio quelli delle famiglie in condizioni di indigenza, degli anziani, dei disabili o dei genitori separati o divorziati che non riescono più a sostenere le richieste di affitto del mercato privato. Con questo strumento saremo in grado di dare una risposta concreta a differenti situazioni di difficoltà".

Le abitazioni disponibili

La domanda deve essere presentata per appartamenti situati nel Comune di residenza del richiedente o nel Comune in cui lo stesso lavora. La richiesta deve essere fatta rispetto a unità abitative «adeguate», cioè una superficie utile in relazione al numero dei componenti del nucleo familiare: da 28 mq. per un solo componente a 78 mq. e più per sei componenti. Nella domanda possono essere indicate sino ad un massimo di cinque unità abitative. In caso di indicazione di due o più unità abitative, deve essere riportato anche il relativo ordine di preferenza.

Chi può presentare la domanda

Le principali condizioni per accedere al bando sono: un reddito ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) non superiore a 16 mila euro e un patrimonio, immobiliare e mobiliare, compreso tra 22 mila euro (per i nuclei familiari composti da una sola persona) e 32mila euro (per i nuclei familiari fino a sei persone), la residenza in Regione Lombardia da almeno cinque anni, nessuno sfratto negli ultimi cinque anni da altri alloggi avuti con bando pubblico.

Come presentare domanda

Le domande possono essere presentate dal 21 giugno al 4 ottobre esclusivamente attraverso la piattaforma informatica regionale «SiAGE - Sistema Agevolazioni» (www.serviziabitativi.servizirl.it). Per autenticarsi è necessario disporre dello «Spid», l’identità digitale rilasciata da soggetti accreditati da «AgID», l’Agenzia per l’Italia Digitale (www.spid.gov.it), oppure della Carta Nazionale dei Servizi (CNS) o della Carta Regionale dei Servizi (CRS). Il codice PIN della CNS o della CRS può essere richiesto allo Sportello al Cittadino del Comune di Monza (da lunedì a venerdì dalle 8.30 dalle 12.00 e il giovedì dalle 8.30 alle 16.30). Per l'inserimento della domanda, saranno predisposte anche due postazioni: una piazza Carducci, ex ufficio «REI» (aperta il lunedì e il mercoledì dalle 9 alle 13) e una presso l’Aler in via Baradello, 6 (aperta da lunedì a venerdì dalle ore 9 alle ore 12.15 e il martedì e giovedì anche dalle ore 14.30 alle ore 16).

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come cambierà la bolletta dell’acqua nel 2020

  • Come utilizzare l'acqua di riso per pulire casa

  • Che cos’è l’abbattitore di temperatura e quando utilizzarlo

  • Come riconoscere e sconfiggere le diverse tipologie di mosche

Torna su
MonzaToday è in caricamento