Come eliminare i pesciolini argentati dalle nostre case

Vi è mai capitato di trovare un pesciolino argentato per casa? Noi vi spieghiamo di cosa si tratta, e come sconfiggerlo

Wikipedia | Christian Fischer

Potrebbe capitare di trovarci in casa la lepisma saccharina, meglio conosciuta come pesciolino argentato.

La riconosciamo dal suo colore grigio-argenteo, e dall’aspetto simile a quello di un piccolo pesce (da qui il nome di pesciolino argentato), mentre il nome scientifico “saccharina” deriva dal fatto che si nutre di zuccheri e amido.

Velocissimo negli spostamenti, il pesciolino argentato quando non esce allo scoperto ama nascondersi nelle cavità o nelle piccole fessure delle pareti o dei mobili. Tuttavia, anche se fastidioso, è un insetto completamente innocuo: "semplicemente", potrebbe a lungo andare mangiucchiare libri e tessuti.

La sua lunghezza è di circa 10 -15 mm, non ha ali e presenta all’estremità anteriore due antenne lunghe quanto il corpo. Si muove nelle ore notturne e, ad ogni piccolo movimento estraneo, si spaventa e scappa velocemente tra le sue amate fessure, tra i libri o nelle pieghe dei tessuti. La sua temperatura ideale è tra i 25 e i 30 gradi, e la femmina può deporre fino a 100 uova nell’arco della sua vita. Capaci di sopravvivere fino ad un anno senza nutrirsi, i pesciolini argentati possono vivere tra i due e gli otto anni. 

La lepisma saccharina vive solitamente nelle case, in particolare in ambienti umidi come cantine o bagni, ma la possiamo trovare anche nelle biblioteche in quanto ama nutrirsi di carta, carta da parati, colle e rilegature. Si ciba inoltre di tessuti, pasta, zuccheri, legumi secchi, capelli, insetti morti e scaglie di pelle.

Ma com'è possibile debellare questi strani inquilini? Considerando che prediligono gli ambienti umidi, munirsi di un deumidificatore potrebbe essere un primo rimedio per costringere i pesciolini argentati a lasciare il nostro appartamento. Ciò che più infastidisce la lepisma saccharina sono però gli odori forti, motivo per cui esistono diverse sostanze naturali che ci potrebbero aiutare. Qualche goccia di olio essenziale di menta piperita o di citronella applicata qua e là per la casa può essere sufficiente per allontanare questi piccoli insetti.

Per tenere lontani i pesciolini argentati da libri e fogli possiamo inserire tra questi qualche foglia di alloro, sostituendole ogni sei mesi circa, ma un ottimo repellente è anche la buccia di cetriolo, da depositare sminuzzata in piccoli barattoli riposti nelle zone dove gli insetti sono stati avvistati.

Infine, un altro efficace rimedio si può ottenere immergendo delle piccole strisce di cartone in un composto di acqua e farina, da depositare sempre nelle zone preferite dai pesciolini argentati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lenzuola vecchie? Ecco come puoi riciclarle

  • Arriva il Bonus Tv: ecco cos’è e chi può usufruirne

  • L’accessorio must per le feste? La cuccia per i gatti a forma di albero di Natale

Torna su
MonzaToday è in caricamento