Come pulire le parti più difficili della casa, dalle persiane ai termosifoni

Ci sono angoli della casa in cui le semplici pulizie non bastano: ecco dunque tutti i consigli per pulire al meglio gli elementi più difficili e delicati

Foto di congerdesign da Pixabay

Avere la casa sempre perfettamente pulita è per tutti una buona abitudine, ma ci sono zone che necessitano di operazioni e strumenti particolari: vediamole insieme.

Termosifoni

L’attrezzo ideale per pulire i termosifoni è lo scovolo, resistente, flessibile e dalla forma cilindrica, utile per infilarsi tra i vari elementi. Dopo averlo passato tra tutti gli spazi del calorifero eliminando la polvere, si continua la procedura con un panno antistatico su tutta la superficie. Una volta che il termosifone è libero da polvere ed eventuali granelli, si passa una spugna imbevuta di acqua e sapone. Infine, si asciuga tutto con un panno in cotone.

Persiane

Per pulire correttamente le persiane è necessario come prima cosa eliminare tutta la polvere depositata sia all’interno che all’esterno. Questa prima operazione si può fare con una scopa, un piumino, o un pennello a setole morbide. Eliminata la polvere, si procede con la pulizia insaponando tutte le superfici con una spugna, e risciacquando poi con un panno morbido in microfibra. Se le persiane sono in pvc (materiale meno intaccabile), si può procedere tranquillamente con il vapore abbinato ad uno specifico prodotto, per passare infine un panno umido in microfibra. 

Box doccia

Per quanto riguarda il box doccia, quello consigliato è un metodo alquanto artigianale che prevede l'uso dei seguenti prodotti: 100 g di acido citrico in polvere, 400 ml di acqua distillata o demineralizzata, 20 ml di detersivo per piatti concentrato e 50 g di amido di riso e farina. La prima cosa da fare è sciogliere l’acido citrico nell’acqua distillata aggiungendo l’amido. Questi primi tre elementi vanno poi messi in un pentolino a scaldare portando il tutto in ebollizione, e mescolando fino a che non si addensa. Una volta raffreddato, il "composto" va unito al detersivo per piatti e applicato sulle piastrelle del box doccia. Quando il prodotto ha agito, si può infine risciacquare.

Fughe delle piastrelle

Molto simile a quelli utilizzati per pulire il box doccia, i prodotti da versare in uno spruzzino per pulire le fughe delle piastrelle sono i seguenti: 100 ml di acqua ossigenata a 130 volumi, 20 ml di detersivo per piatti concentrato, 15 g di acido citrico in polvere, 350 ml di acqua distillata o demineralizzata.  Il prodotto finale è in grado di disinfettare, sbiancare e pulire in profondità le fughe delle piastrelle. Una volta applicato il detergente ecologico, si consiglia di utilizzare uno spazzolino da denti per sfregare all’interno delle fughe. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come eliminare i pesciolini argentati dalle nostre case

  • Come fare il cambio armadio in 7 step

  • Come pulire le parti più difficili della casa, dalle persiane ai termosifoni

Torna su
MonzaToday è in caricamento