Le regole per uno smartworking sicuro

Il soggiorno è diventato il vostro ufficio in casa? Pensate alla sicurezza: i pirati del web sono più agguerriti che mai

Foto di StartupStockPhotos da Pixabay

Tante sono le aziende che, in Italia e nel mondo, hanno imposto il lavoro a distanza per arginare la diffusione del Covid-19.

In tempo di Coronavirus si è ampliata infatti la possibilità di lavorare da casa, per diverse categorie di professionisti: molti di loro non sono mai stati abituati e si sono dovuti adeguare, per altri (i cosiddetti freelancer) è invece la normalità. Tuttavia, è bene prestare molta attenzione - oggi ancor di più - alla sicurezza informatica: i criminali del web non si fermano, e stanno approfittando della quarantena per le loro truffe.

Ecco qualche semplice regola da seguire allora ogni volta che vi connettete. 

Non aprite link che non vi convincono, che fanno leva sulla paura o che vi chiedono dei soldi: sono le mail di phishing, e rimandano a siti non sicuri che rubano dati, password e numero della carta di credito. Se avete un qualche dubbio, fate copia e incolla e provate ad aprirlo direttamente nel browser. 

Ci sono poi le password, che - non solo ora - dovrebbero essere scelte con particolare accortezza. Se davanti al pc fate una nuova iscrizione, magari per usufruire di un servizio necessario per il vostro lavoro, scegliete una password che non sia banale, che non contenga i nomi di familiari né date di nascita. Trovate qualcosa di forte e difficile da legare alla vostra vita e aggiungete sempre almeno un numero e un carattere speciale (punto esclamativo, asterisco…). Per una sicurezza ulteriore, potere anche cambiare la password di default del vostro router Wi-Fi attivando la crittografia WPA, in modo che la vostra rete sia ancora più rafforzata contro eventuali attacchi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non date a nessuno la possibilità di usare il vostro pc aziendale in casa, tantomeno ai figli. Meglio dividere le cose, in questo momento: chi vuole colpire cerca di impossessarsi delle credenziali di login alla VPN aziendale in modo da avere accesso a tutti i dati personali e protetti. Ogni volta che finite una sessione, uscite dal sistema. Spegnete proprio il pc. E, quando sarà il momento di ricollegarvi, fate ripartire tutto ex novo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Idrocultura, cos'è e come funziona

Torna su
MonzaToday è in caricamento