Uccide la moglie sparandole in auto, ritrovata la pistola del delitto di Bovisio Masciago

L'arma è stata rinvenuta in un campo tra i rovi a Cesano Maderno. Dopo l'agguato Giorgio Truzzi di è presentato dai carabinieri in caserma a Seveso per costituirsi

Le ricerche della pistola a Cesano Maderno

E' stata trovata l'arma del delitto utilizzata da Giorgio Truzzi per uccidere in strada la moglie Valeria Bufo. I carabinieri della compagnia di Desio hanno rinvenuto il revolver, una 38 special con matricola abrasa, in un campo a Cesano Maderno lungo la strada provinciale 44, a ridosso della tagenzialina Sud che porta al comune di Desio.

L'arma, una pistola di vecchia fabbricazione, era nascosta tra i rovi e la boscaglia all'altezza del cavalcavia della ferrovia. Dopo la sparatoria in cui il cinquantasettenne ha ucciso con tre colpi di pistola la moglie, Valeria Bufo, cinquantasei anni, lasciandola agonizzante nell'abitacolo della sua Alfa Giulietta prima di scappare via, Truzzi si sarebbe liberato della pistola, rinvenuta solo il giorno successivo.

Gli spari in strada

Intorno alle 13 del 19 aprile, l'uomo, a bordo di una Smart, avrebbe "pedinato" la 56enne che con la sua Alfa Romeo Giulietta stava andando a prendere a scuola loro figlia. Vicino al semaforo in corso Italia l'uomo sarebbe sceso dall'utilitaria, avrebbe preso la pistola e avrebbe aperto fuoco. Almeno quattro i colpi, tutti dritti al cuore. Poi ha lasciato la moglie agonizzante in auto e si è diretto nella caserma dei carabinieri di Seveso per costituirsi. 

La 56enne è stata trovata priva di sensi da alcuni passanti che hanno lanciato l'allarme: è stata soccorsa dai sanitari del 118 e accompagnata d'urgenza al pronto soccorso dell'ospedale San Gerardo, dove è deceduta intorno alle 14.50.

La vita della coppia

Giorgio Truzzi è stato interrogato a lungo nella caserma dei carabinieri di via Europa Unita a Seveso; oltre al capitano della compagnia di Desio, Mansueto Cosentino, era presente anche il pubblico ministero Stefania Di Tullio della procura di Monza. Nella serata di giovedì è stato dichiarato in stato di arresto e accompagnato nella stazione dei carabinieri di Desio. 

La coppia — lei impiegata in un'azienda di Bovisio Masciago, lui autista, secondo quanto riferito dagli investigatori — aveva tre figli: una figlia minorenne e due ragazzi di 23 e 19 anni. Vivevano a Seveso, in zona Altopiano, ma da diverso tempo erano in crisi ed erano vicini alla separazione; non solo: da due settimane le loro vite si erano divise. Secondo quanto riferito dai militari non ci sono denunce pregresse da parte della vittima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pitbull azzanna padrone ai genitali, 40enne uccide il suo cane per salvarsi

  • Incidente in autostrada A4 ad Agrate Brianza, morto ragazzo di 27 anni

  • Incidente in autostrada A4, auto ribaltata: gravissimo 27enne

  • Nova Milanese, azzannato alle parti intime dal suo cane: 40enne in ospedale

  • Maschere, coriandoli, bancarelle e un trenino: ecco il Carnevale di Monza

  • Ragazzina arbitro aggredita e spintonata da allenatore e tifoso: follia in campo a Meda

Torna su
MonzaToday è in caricamento