Latitante gestisce una rubrica online, poliziotti si fingono giornalisti per arrestarla

La donna, condannata per bancarotta fraudolenta e falso in bilancio, abitava in un camper in un campo nomadi in Brianza

IMMAGINE DI REPERTORIO

Era stata condannata in via definitiva a quattro anni di carcere e dieci anni di interdizione dai pubblici uffici per bancarotta fraudolenta e falso in bilancio. Ma nonostante fosse latitante e ricercata, dal camper che aveva trasformato nella sua nuova casa, in un campo nomadi a Mezzago, era ancora attivissima e gestiva una rubrica su un sito online dove dispensava consigli sulla pulizia e sulla salubrità degli ambienti industriali.

E' stato così, fingendosi giornalisti interessati a intervistare la donna, che i poliziotti della squadra Catturandi del Commissariato di Quarto Oggiaro, guidata dal dirigente Antonio D'Urso, sono riusciti ad "agganciare" Giovanna B., 65 anni, e ad arrestarla. 

Nel corso delle indagini per rintracciare la donna, gli agenti hanno scoperto che la sessantacinquenne era domiciliata in un camper all'interno di un campo nomadi brianzolo, nonostante ufficialmente risultasse residente a Milano. La sua latitanza durava ormai da quattro anni e nel frattempo, la signora aveva intrapreso una nuova attività di "consulenza", gestendo una rubrica online chiamata "Pronto Giovanna", sul sito Cleaningcommunity.

Per riuscire a fermarla, i poliziotti hanno deciso di fingersi redattori di un'emittente online interessata ad un evento fieristico in programma a Verona per fine maggio, al quale la donna avrebbe partecipato. Dopo aver concordato l'appuntamento in una sala di registrazione, gli agenti si sono presentati dalla ricercata e l'hanno arrestata. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La donna ora si trova in carcere a San Vittore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lite tra automobilisti degenera, agenti aggrediti all'incrocio: quattro denunce

  • I luoghi (che non tutti conoscono) dove fare il bagno in Lombardia

  • Brugherio, incendio nella notte nella pizzeria Lo Stregone: tre famiglie evacuate

  • Spostamenti fuori regione, la Lombardia rischia di restare "chiusa" altre due settimane

  • Coronavirus, un solo nuovo contagio a Monza: sindaco incontra i gestori dei locali

  • Monza, è morta Rossana Lorenzini, la mamma di Pippo Civati

Torna su
MonzaToday è in caricamento