Sgominata baby gang del terrore: rapine sui treni, in stazione e alla fermata del bus

Otto giovanissimi sono stati raggiunti da un'ordinanza di custodia cautelare. Almeno ventuno le rapine, alcune delle quali a mano armata, con pistola e coltelli

Si davano appuntamento in piazza Marconi, a Vimercate, alla fermata degli autobus o nei pressi del centro commerciale Le Torri Bianche. Insieme poi salivano su qualche autobus o un treno diretti a Milano o a Lecco ed entravano in azione.

Pistola in pugno e coltelli, i ragazzini, quasi tutti minorenni, si trasformavano in baby rapinatori, pronti a minacciare di morte le vittime, a volte loro coetanee, o a picchiarle per farsi consegnare soldi, tablet, giubbotti e cellulari. Una violenza gratuita messa a segno per divertimento o per noia di cui poi, a fine giornata, tutti insieme si vantavano, dandosi appuntamento per raccontarsi i colpi.

Otto giovanissimi nei guai

I componenti della "baby-gang del terrore" ora hanno un nome e un volto e i carabinieri della compagnia di Vimercate hanno sgominato la banda dando esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare emesse dai GIP del Tribunale per i Minorenni di Milano e del Tribunale di Monza. Nei guai sono finiti otto giovanissimi, due maggiorenni, un italiano e un marocchino e sei minorenni tra cui due cittadini marocchini, due romeni, un egiziano e un italiano tutti residenti nel Vimercatese.

I giovanissimi, studenti o nullafacenti, con alle spalle famiglie normali, sono accusati di aver messo a segno almeno 21 colpi alla fermata degli autobus in Brianza, a bordo dei treni tra Lecco, Monza e Milano e ancora in stazione. Intrepidi di fronte alle vittime e spacconi in caserma al momento dell'arresto con i militari, molti di loro poi di fronte ai genitori sono scoppiati in lacrime.

Le indagini

Alla baby gang del terrore i carabinieri sono arrivati grazie alle indagini avviate lo scorso novembre 2017 in seguito a tre rapine e una tentata rapina avvenute nel Vimercatese. In quell'occasione i carabinieri avevano fatto scattare le manette per un 22enne marocchino, responsabile di tre colpi messi a segno tra Vimercate e Bellusco ai danni di due minorenni e di un 33enne. Vera "anima" della banda, il 22enne era il "promotore" dei colpi e il più efferato ad agire. In un'occasione, in compagnia di alcuni complici, ha fermato una vittima nel sottopasso della stazione e l'ha sequestrata, obbligando il malcapitato a seguirli fino al bancomat più vicino dove è stato costretto a prelevare mille euro e poi scortato nuovamente fin sul treno dove, prima di lasciarlo andare, i rapinatori gli hanno suggerito, minacciandolo di morte, di non denunciare il fatto. 

Il modus operandi della gang era sempre lo stesso: entravano in azione in gruppi di tre o quattro persone, armati di coltelli o pistola accerchiavano la vittima, la minacciavano di morte e si facevano consegnare cellulari, denaro o tablet. A casa dei ragazzini sono stati rinvenuti alcuni coltelli a serramanico usati durante i colpi e uno di loro custodiva l'arma sotto il cuscino, per nasconderla alla famiglia. In alcuni casi, oltre alle minacce, la banda ricorreva all'uso della violenza e in due occasioni le vittime sono state picchiate e sono finite in ospedale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per individuare i giovanissimi i carabinieri sono partiti dalle denunce e dalle testimonianze raccolte e hanno analizzato i filmati di videosorveglianza delle stazioni. Sono almeno ventuno le rapine, alcune anche a mano armata, contestate agli otto baby rapinatori ma gli inquirenti sospettano che gli episodi possano essere molti di più, alcuni dei quali probabilmente non denunciati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ponti tibetani della Lombardia dove portare i bambini

  • Verano Brianza, Sofia uccisa a 25 anni da ubriaco mentre attraversa la strada

  • Cesano Maderno, uomo investito mentre attraversa la strada: è gravissimo

  • Giovani ragazze costrette a prostituirsi in un club privato a Varedo: sette arresti

  • Incidente ad Agrate, schianto tra due auto in via Archimede: morta pensionata di Brugherio

  • Incidente stradale a Verano Brianza, travolge e uccide ragazza di 25 anni

Torna su
MonzaToday è in caricamento