Spaccio di droga in strada, pusher in azione tra il muretto e una cabina: tre arresti

L'operazione è stata portata a termine dalla polizia di Stato che ha sequestrato cocaina, eroina e hashish oltre a milleduecento euro in contanti

Un rapido cenno del capo, uno scambio di sguardi, i soldi e poi la droga e in pochi istanti l'affare era concluso.

Spaccio in strada in corso Milano

La polizia di Stato nella giornata di martedì ha arrestato a Monza tre cittadini stranieri, due marocchini e un algerino, di 27, 38 e 22 anni, responsabili di aver messo in piedi un giro di spaccio in corso Milano, nei pressi dei giardinetti della stazione. Proprio qui, a ridosso di un muretto, aspettavano seduti l'arrivo dei clienti e quando un acquirente si presentava da loro, facevano la spola tra il loro ufficio “in strada” e una vecchia cabina dell’Enel dietro la quale allungavano le mani quando qualche cliente chiedeva loro una dose.

Operazione antidroga della polizia in corso Milano

I poliziotti, avuto riscontro dell’intensa attività di spaccio in corso in strada, sono intervenuti nel pomeriggio di martedì con personale in divisa e in borghese. Per non dare nell’occhio, a seguire gli spostamenti degli spacciatori e monitorarne l’attività è intervenuta anche una agente donna, in abiti civili, che si è finta una signora di ritorno dal supermercato, con una borsa colma di spesa. Facendo la spola tra la cabina e il muretto i tre pusher, senza dare nell’occhio, cedevano la droga e intascavano i soldi. A seconda delle richieste, i venditori prelevavano le dosi da terra, da un pezzo di carta richiuso o da un sacchetto di plastica nascosto dietro il muretto. Quando i poliziotti, dopo aver assistito a diversi scambi di droga, hanno deciso di intervenire i tre pusher alla vista delle volanti e del personale in divisa sono scappati, correndo in direzione del Mc Donald’s di corso Milano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'inseguimento nel ristorante e l'arresto

L’inseguimento è proseguito all’interno del fast food, tra i clienti stupiti, dove due dei tre stranieri sono stati fermati e arrestati. Il terzo pusher invece è stato bloccato dalla agente donna in borghese che ha prontamente lasciato cadere le borse della spesa e tirato fuori le manette. I poliziotti hanno sequestrato un pezzo di carta contenente cinque pezzi di hashish per un totale di 75 grammi che i due pusher avevano lanciato sotto i tavolini del ristorante nel tentativo di liberarsi della droga e una busta in plastica per la spesa con all’interno materiale vario per il confezionamento. Nel complesso nel corso dell’attività sono state sequestrate altre dosi di hashish, eroina e cocaina abbandonate per terra in luoghi strategici tra la cabina e il muretto. I tre spacciatori, tutti irregolari e con precedenti, avevano oltre 1200 euro in contanti, provento dell’attività di spaccio, e cinque telefoni cellulari. Per tutti e tre i pusher sono scattate le manette.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Monza e Brianza 2.462 casi di Covid-19: 100 in più in un giorno

  • Al San Gerardo 20 ventilatori polmonari grazie alla donazione della famiglia Fumagalli

  • Monza, fingono di fare la spesa insieme per vedersi: scatta la maxi multa

  • Monza, città "silenziosa e deserta" nelle immagini riprese dal drone

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Monza e in Lombardia: le prime previsioni

  • Parrucchieri chiusi? Ecco come gestire la ricrescita

Torna su
MonzaToday è in caricamento