Alloggiava in hotel a Lissone ma era stato espulso dall'Italia: 40enne albanese arrestato

L'uomo, con precedenti per reati connessi alla droga, è stato individuato dai carabinieri della compagnia di Desio durante un controllo delle persone alloggiate nelle strutture ricettive del territorio

Immagine di repertorio

Alloggiava in un hotel a Lissone, in Brianza, ma non avrebbe dovuto trovarsi sul territorio nazionale a causa di un divieto di reingresso in Italia per i prossimi dieci anni. E per questo è stato arrestato dai carabinieri.

In manette è finito un cittadino albanese di quarant'anni con precedenti per reati connessi alla droga che è stato pizzicato in una struttura ricettiva brianzola dai militari della compagnia di Desio impegnati in una serie di controlli sui nominativi degli ospiti degli alberghi della zona. 

Il quarantenne era stato epulso dall'Italia a dicembre 2018 e in seguito alla violazione del divieto di reingresso in Italia della durata di dieci anni è stato arrestato e processato per direttissima davanti al Tribunale di Monza con una pena patteggiata pari a otto mesi di reclusione. L'uomo verrà rimpatriato con accompagnamento alla frontiera così come disposto dal giudice. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutte le scuole di Monza e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Coronavirus, un caso di contagio in un'azienda ad Agrate: donna ricoverata a Bergamo

  • Coronavirus, primo caso anche a Monza: positivo paziente ricoverato al San Gerardo

  • Coronavirus, il primo giorno di "coprifuoco" per Monza: ecco tutti i divieti nella 'zona gialla'

  • Bar non chiude alle 18 e non rispetta ordinanza sul Coronavirus: scatta la denuncia

  • Lissone, trovato il corpo senza vita di un uomo in un campo in via Toti

Torna su
MonzaToday è in caricamento