"Uso droga a fini terapeutici" ma non è vero: arrestato un ragazzo a Carnate

Addosso al giovane i carabinieri hanno trovato marijuana e hashish che non corrispondeva a quella della prescrizione medica

La droga sequestrata

Detenzione di droga ai fini di spaccio. Con questa accusa nel fine settimana è stato arrestato a Carnate un ragazzo di ventisei anni. 

Il giovane, incensurato e disoccupato, è stato fermato nella serata del 27 aprile dai carabinieri della stazione di Bernareggio per un controllo nei pressi della sua abitazione. Addosso al ragazzo i militari hanno rinvenuto 220 grammi di marijuana e 10 di hashish. 

Per giustificare il possesso della sostanza stupefacente il ventiseienne ha dichiarato agli uomini in divisa di detenere la droga a fini terapeutici e di essere in possesso di una regolare autorizzazione. I controlli sono poi proseguiti nell'appartamento del ventiseienne dove il documento è stato attentamente letto dai carabinieri che hanno appurato che la droga detenuta non era della stessa tipologia di quella autorizzata da prescrizione medica e soprattutto che il quantitativo non era riconducibile all'uso personale. 

Per questo motivo il ragazzo è finito in manette con l'accusa di detenzione di droga ai fini di spaccio. Dopo il fermo e la convalida dell'arresto, il ventiseienne è stato rimesso in libertà. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutte le scuole di Monza e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Coronavirus, un caso di contagio in un'azienda ad Agrate: donna ricoverata a Bergamo

  • Coronavirus, primo caso anche a Monza: positivo paziente ricoverato al San Gerardo

  • Coronavirus, il primo giorno di "coprifuoco" per Monza: ecco tutti i divieti nella 'zona gialla'

  • Bar non chiude alle 18 e non rispetta ordinanza sul Coronavirus: scatta la denuncia

  • Lissone, trovato il corpo senza vita di un uomo in un campo in via Toti

Torna su
MonzaToday è in caricamento