Armato di catena e coltello si scaglia contro i carabinieri: rapinatore in manette

Il 33enne tunisino poco prima aveva rubato un telefono e una bici in centro Monza

Ha rapinato due persone in centro Monza, portandosi via nel giro di pochi minuti prima un telefono cellulare strappato dalle mani di un malcapitato e poi una bicicletta che è riuscito a rubare spingendo a terra il legittimo proprietario. Dopo i due furti si è allontanato indisturbato con il bottino. Quando i carabinieri poco dopo, nella mattinata di venerdì, sono andati ad arrestarlo, all'interno del capannone dove aveva trovato rifugio, nell'area dell'ex Fossati Lamperti, l'uomo li ha aggrediti.

Alla vista dei militari il 33enne, un cittadino tunisino con precedenti specifici, ha impugnato una catena e un coltello e si è scagliato contro gli uomini in divisa. I carabinieri monzesi sono riusciti a fermarlo e immobilizzarlo, arrestandolo in flagranza di reato per resistenza a pubblico ufficiale. Il 33enne è stato inoltre sottoposto a fermo di indiziato delitto per rapina: le vittime dopo l'accaduto, giovedì sera, avevano chiesto l'intervento dei carabinieri e avevano effettuato anche il riconoscimento fotografico del presunto responsabile che i militari, a colpo sicuro, sono andati a cercare nel capannone in disuso. 

Fortunatamente durante le fasi del fermo nessuno è rimasto ferito. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutte le scuole di Monza e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Coronavirus, un caso di contagio in un'azienda ad Agrate: donna ricoverata a Bergamo

  • Coronavirus, primo caso anche a Monza: positivo paziente ricoverato al San Gerardo

  • Coronavirus, il primo giorno di "coprifuoco" per Monza: ecco tutti i divieti nella 'zona gialla'

  • Bar non chiude alle 18 e non rispetta ordinanza sul Coronavirus: scatta la denuncia

  • Lissone, trovato il corpo senza vita di un uomo in un campo in via Toti

Torna su
MonzaToday è in caricamento