Spaccio di eroina e cocaina nei boschi: in manette un 19enne

Il giovane pusher è stato rintracciato in un appartamento di Pioltello: in casa 750 euro, 19 cellulari e un taccuino

Il materiale sequestrato

Diciannove telefoni cellulari, un taccuino per annotare cessioni, debiti e vendite e settecentocinquanta euro in contanti. Questo ciò che hanno trovato i carabinieri della compagnia di Chiavenna a Pioltello, alle porte della Brianza, nell’abitazione di un pusher 19enne. Il ragazzo, disoccupato, è finito in manette domenica all’alba, al termine di un’indagine su un giro di spaccio di eroina, cocaina e hashish nelle aree boschive tra Rogolo, Valgerola, Talamona e Morbegno, in provincia di Sondrio.

Gli accertamenti dei militari erano iniziati lo scorso maggio quando i carabinieri avevano arrestato in flagranza un cittadino marocchino ritenuto responsabile di spaccio di stupefacenti nei boschi di Rogolo (SO). Indagando gli uomini dell’Arma hanno scoperto che il giro di droga era molto più ampio, arrivando a sconfinare anche oltre la provincia. E a Pioltello poi è avvenuto l’arresto.

Nuova immagine bitmap (2)-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutte le scuole di Monza e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Pitbull azzanna padrone ai genitali, 40enne uccide il suo cane per salvarsi

  • Coronavirus, primo caso anche a Monza: positivo paziente ricoverato al San Gerardo

  • Incidente in autostrada A4 ad Agrate Brianza, morto ragazzo di 27 anni

  • Coronavirus, contagi anche nel Milanese. Chiuse le università lombarde

  • Nova Milanese, azzannato alle parti intime dal suo cane: 40enne in ospedale

Torna su
MonzaToday è in caricamento