Bames, verso il concordato. I lavoratori occupano gli uffici

E' durata un paio d'ore l'occupazione (fuori programma) dell'ufficio di Selene Bartolini, figlia dell'ad Romano Bartolini. I dipendenti a rischio sono circa 500

L'ingresso di Bames e Sem a Vimercate

VIMERCATE - Entro giovedì 20 settembre Bartolini presenterà la richiesta di concordato preventivo per Bames e Sem. "Lo ha affermato stamattina il direttore del personale, spiega Gigi Redaelli, segretario generale FIM CISL - Da quanto ci risulta ci sono buone possibilità, ma finchè non lo  vediamo non ci crediamo". Questa mattina il presidio previsto è sfociato nell'occupazione di due ore dell'ufficio di Selene Bartolini, figlia di Romano Bartolini, a.d.  che in quel momento non era presente in azienda. Qualche momento di tensione, ma la situazione è rimasta sostanzialmente sotto controllo. Il 22 ottobre scade la cassa integrazione in deroga: il sindacato punta al rinnovo, "anche se la situazione va risolta con un piano industriale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

DEBITI - La situazione debitoria è pesante: "L'azienda - prosegue Redaelli - ha debiti con lavoratori, con il Comune, con l'INPS e perfino con il sindacato, a cui non ha versato le trattenute". Le istituzioni si sono palesate con il vicesindaco di Vimercate Roberto Rampi e il consigliere regionale PD Enrico Brambilla; in mattinata è giunta anche una telefonata del presidente della Provincia Dario Allevi. L'ente di via Grossi ha quindi emesso un comunicato nel pomeriggio in cui si pone sulla linea del concordato e annuncia un tavolo interistituzionale per settimana prossima con Regione, Comune e proprietà. Si attenda la conferma di quest'ultima. "Ma i politici devono dare corpo alle parole. All'azienda serve urgentemente un piano di reindustrializzazione - sottolinea Redaelli - Nei mesi scorsi si erano fatti avanti alcuni possibili acquirenti, ma dopo tanto tempo dubitiamo siano ancora interessati. Oggi rischiamo di fare la stessa fine". Se entro giovedì non sarà presentata la domanda di concordato preventivo, il sindacato chiederà il fallimento dell'azienda. Al momento nessuno sa se Bartolini ha la capacità di far fronte ai debiti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Cinisello Balsamo, bimba di 4 anni investita da auto: soccorsa e portata al San Gerardo

  • Visite e tamponi post covid gratis in Lombardia: a Monza un solo nuovo caso

  • Incidente in tangenziale Nord, auto perde controllo e si schianta: tre ragazzi feriti

  • Trenta ragazzi al parchetto, arriva la polizia locale: due denunce e polemiche sui social

  • Auto rubate smontate in pausa pranzo e rivendute in un demolitore di Monza: 10 arresti

  • Dal 13 al 18 luglio, consulenze e visite gratuite per le donne negli ospedali dell’ASST di Vimercate

Torna su
MonzaToday è in caricamento