Expo, 'il gioco' gli stritola il braccio: bambino salvato al San Gerardo

Il piccolo, otto anni, sabato è rimasto vittima di un incidente al padiglione della Corea. Trasportato d'urgenza al San Gerardo, i medici sono riusciti a ricostruire muscoli e tendini del braccio e a salvare l'arto. Il racconto

Il piccolo è stato salvato al San Gerardo - Foto Anpas

I medici hanno subito capito che “il miracolo” poteva accadere in un solo ospedale: il San Gerardo di Monza. E così è stato. 

Grande “colpo” del centro di chirurgia della mano dell’ospedale monzese, diretto da Massimo Del Bene, che è riuscito a salvare il braccio di un ragazzino di otto anni - Giacomo - rimasto gravemente ferito durante una giornata all’Expo con mamma, papà e fratelli. 

Sabato scorso, il piccolo è rimasto incastrato con il braccio in “un gioco” del padiglione della Corea, una serie di lattine collegate a una piccola motrice rotante posizionata su una delle pareti. 

Il bimbo, immediatamente soccorso dai genitori, è stato trasportato prima al Galeazzi di Milano e poi al San Gerardo di Monza. Qui, i medici sono riusciti a ricostruire i muscoli e i tendini del braccio e a salvare l’arto. 

Nonostante il grande spavento, il bimbo se la caverà con dieci giorni di ricovero e con un grande grazie agli angeli del San Gerardo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutte le scuole di Monza e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Coronavirus, un caso di contagio in un'azienda ad Agrate: donna ricoverata a Bergamo

  • Coronavirus, primo caso anche a Monza: positivo paziente ricoverato al San Gerardo

  • Coronavirus, il primo giorno di "coprifuoco" per Monza: ecco tutti i divieti nella 'zona gialla'

  • Bar non chiude alle 18 e non rispetta ordinanza sul Coronavirus: scatta la denuncia

  • Lissone, trovato il corpo senza vita di un uomo in un campo in via Toti

Torna su
MonzaToday è in caricamento