Nuovo blitz nel "bosco della droga" in Brianza, presi due pusher

I due spacciatori di fronte ai carabinieri hanno mostrato un machete: avevano con sé anche cocaina, eroina e hashish

Nuova operazione antidroga contro il «bosco dello spaccio». Venti militari hanno fatto un vasto sopralluogo dentro il Parco delle Groane. Da anni gli spacciatori hanno scelto la fitta boscaglia del vasto polmone verde che si estende tra le province di Monza, Saronno e Milano, dando vita a un vasto mercato dello spaccio, con decine di clienti che arrivano in treno da tutta la Lombardia.

E’ stato proprio inseguendo una dei clienti – una donna di 35 anni, di Cislago – che i carabinieri di Desio domenica mattina sono riusciti a arrestare due pusher. Marocchini, 19 e 25 anni, avevano dato vita a un fitto scambio di droga, con centinaia di clienti ogni giorno. Quando i due stranieri si sono trovati di fronte i carabinieri, hanno reagito sfoderano un machete. Poi i militari li hanno circondati: e allora i due spacciatori si sono arresi, di fronte al fitto spiegamento delle forze dell’ordine. I due spacciatori avevano con sé 20 grammi di cocaina, 20 grammi di eroina e cinque grammi di hashish.

Entrambi erano due vecchie conoscenze per il casellario giudiziale. Il 25enne era già stato espulso l’8 settembre scorso, mentre il più giovane nel 2015 aveva ricevuto un ordine di allontanarsi dall’Italia dal questore di Agrigento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Shock per liceo Frisi di Monza, due studenti si tolgono la vita. La preside: "Profondo dolore"

  • Incidente in autostrada A4, auto ribaltata: gravissimo 27enne

  • Le auto e gli affari con la cocaina, sgominata rete di spacciatori: 11 arresti

  • Tornano le giostre a Limbiate, sulle ceneri di Greenland sorgerà un nuovo luna park

  • Maxi operazione a Monza, undici arresti per spaccio di droga

  • Crollo in via Bergamo a Monza, pezzi di cornicione precipitano al suolo da nove metri

Torna su
MonzaToday è in caricamento