Al San Gerardo la nuova Bobina Breast per effettuare biopsie del seno con guida della risonanza magnetica

La donazione di Qui Donna SiCura. "Questa procedura è eseguibile in pochissimi centri in Italia" ha spiegato la dottoressa Anna Abate

 È stata inaugurata giovedì mattina al San Gerardo di Monza la nuova bobina Breast per l’esecuzione di biopsie con guida della risonanza magnetica donata dall’Associazione Qui Donna SiCura alla Struttura complessa di Radiologia diagnostica per immagini - interventistica della ASST di Monza.

“La risonanza magnetica della mammella è un esame diagnostico molto potente, per elevata qualità e risoluzione delle immagini – sottolinea il dott. Rocco Corso, direttore della struttura che ha ricevuto la donazione - che permette di identificare noduli molto piccoli, spesso impalpabili e invisibili con le metodiche tradizionali, studiandone la dinamica di vascolarizzazione attraverso l’utilizzo del mezzo di contrasto. Si tratta di un esame complementare e di approfondimento alla mammografia ed ecografia mammaria. È l’esame più sensibile che esista oggi in ambito senologico, da impiegare su precise e specifiche indicazioni valutate da specialisti in ambito senologico (radiologo e senologo). La risonanza magnetica mammaria infatti permette di identificare noduli tumorali maligni perché presentano aspetto diverso e sono vascolarizzati in maniera anomala (perfusi dal sangue) rispetto al tessuto mammario normale e ai noduli benigni. Questo consente di identificare e caratterizzare il tumore mammario quando è ancora di piccole dimensioni e, magari, non visualizzabile attraverso mammografia ed ecografia”.

“Esistono dei tumori che per dimensioni, caratteristiche della mammella e caratteristiche intrinseche del tumore stesso - aggiunge la dott.ssa Anna Abate, medico della radiologia senologica - non sono visualizzabili con le metodiche standard (mammografia ed ecografia). Per la conferma della diagnosi si rende perciò indispensabile una biopsia (asportazione di una piccola parte di tessuto) che può essere eseguita solo durante l’esecuzione della risonanza magnetica che ha identificato l’area sospetta. Questa procedura è eseguibile in pochissimi centri in Italia: l’ausilio di questa bobina appositamente creata, caratterizzata da una griglia che poggia direttamente sul seno da biopsiare, permette di calcolare esattamente la posizione del nodulo stesso attraverso un’analisi e misurazioni dettagliate delle immagini acquisite. Con un particolare ago e sistema di prelievo si procede alla rimozione del tessuto da analizzare lasciando in sede un piccolo marker che permette di riconoscere nel tempo quale zona è stata indagata. La paziente è posizionata prona, in condizioni confortevoli e con l’esecuzione di anestesia locale, non sente alcun dolore: con il prelievo bioptico si acquisisce una diagnosi certa e in caso di necessità si può procede ad un successivo intervento chirurgico. Senza questa specifica bobina la biopsia non risulterebbe possibile e questo particolare gruppo di tumori del seno, non diversamente analizzabili, rimarrebbe spesso misconosciuto fino ad una fase tardiva perdendo di fatto le possibilità di cura offerte da una diagnosi precoce”.

“Nella nostra città – dichiara il sindaco Dario Allevi - la cultura della prevenzione è forte e consolidata grazie soprattutto all’energia di soggetti del terzo settore come l’associazione Qui Donna SiCura che, da anni, porta avanti la propria missione con passione, competenza e tanto lavoro. Tutti insieme abbiamo il dovere di continuare in quest’azione per rendere sempre più consapevoli i cittadini dell’importanza della diagnosi e della prevenzione”.

“Innanzitutto ringrazio Qui Donna SiCura per la sensibilità che mostra nei nostri riguardi da anni – conclude il Direttore Generale della ASST di Monza Mario Alparone -. Eccellenza in ambito Breast Unit si declina con multidisciplinarietà dell’approccio e tempestività e precisione della diagnosi e della cura. La dotazione tecnologica della ASST della Monza in ambito senologico è di primissimo livello e questa bobina ci consente di aumentare le nostre capacità diagnostiche”.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come eliminare i pesciolini argentati dalle nostre case

  • Paura al mercato di Macherio, si accascia a terra: trasportata in codice rosso all'ospedale

  • Litiga con la fidanzata poi cerca di farla finita: 37enne salvato a Monza

  • Perde il controllo dell'auto in Valassina, si schianta contro il guard rail e si ribalta

  • Omicidio a Cernusco, uomo ucciso nei box del condominio: freddato in auto a colpi di pistola

  • Alle porte della Brianza apre un nuovo supermercato

Torna su
MonzaToday è in caricamento