Botte, violenze e minacce alla ex compagna per i soldi per la droga: arrestato 37enne

L'uomo in un'occasione aveva anche colpito in auto la vettura della donna, costringendola a fermarsi e causandole dei danni. A giugno era piombato di notte nella sua abitazione per rubare denaro

Era entrato nel negozio di parrucchiera dove lavorava la sua ex compagna e aveva preteso di incontrarla, per un "chiarimento". Minacciando di morte lei e tutti i presenti. Questo è stato solo l'ultimo gravissimo episodio di una serie di violenze, fisiche e verbali, e minacce che andavano avanti da troppo tempo. Poi è arrivato l'arresto, grazie alla denuncia della vittima che ha deciso di raccontare ai carabinieri la storia di un incubo, iniziato sei anni fa e diventato giorno dopo giorno un baratro sempre più buio fatto di soprusi, umiliazioni e paura. 

Così martedì un uomo di 37 anni, tossicodipendente, residente nel Vimercatese, è stato arrestato dai carabinieri di Vimercate su ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Monza. Il 37enne dovrà rispondere dei reati di tentata estorsione, rapina aggravata, maltrattamenti e lesioni.

"Se non mi dai i soldi per la droga ti ammazzo"

Secondo quanto ricostruito dalla donna, 41 anni, fin dai primi anni di convivenza l'uomo l'avrebbe picchiata e aggredita chiedendole insistentemente dei soldi per comprare sostanze stupefacenti. Minacce di morte, schiaffi e pugni che diventavano un'abitudine quotidiana quando l'uomo era in crisi di astinenza o sotto l'effetto di droga. In un'occasione, per riuscire a impossessarsi di duecento euro che la compagna teneva nella tasca di un vestito, l'avrebbe aggredita e picchiata. Nel settembre 2013 poi era arrivato addirittura a seguirla in auto e a provocare un incidente stradale. A bordo del proprio veicolo ha costretto la vettura della donna a uscire fuori strada, facendola accostare e danneggiando il suo specchietto. La vittima era riuscita a scappare via e a chiedere l'aiuto dei carabinieri, trovando rifugio nella vicina caserma. 

Le botte e il ricovero in ospedale

Due anni dopo poi, al termine di un'accesa lite in cui l'uomo era sotto effetto di alcol e di droga, il 37enne aveva colpito al volto la donna fino a mandarla in ospedale con un truma cranico e una frattura massiccio frontale con trenta giorni di prognosi. Nonostante le violenze la donna aveva comunque continuato la convivenza in nome dell'amore e del sentimento che provava per il compagno. Durante il rapporto tra i due poi la 41enne aveva ricevuto 50mila euro a titolo di risarcimento per un incidente stradale e il 37enne aveva iniziato ad avanzare pretese sul denaro che voleva usare per comprare droga e giocare alle slot machine. 

La separazione e l'incursione in casa di notte per rubare

Anche quando ormai la relazione tra i due era terminata, l'uomo non aveva mai smesso di torturare la donna. A giugno era piombato nel cuore della notte in casa della ex, aprendo la porta con le chiavi di casa che ancora custodiva, mentre la donna era in casa. Una volta nell'appartamento si era impossessato di 130 euro dal portafogli della donna che intanto era scappata di casa, cercando rifugio dalla madre. Ora il 37enne è in carcere a Monza. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come eliminare i pesciolini argentati dalle nostre case

  • Paura al mercato di Macherio, si accascia a terra: trasportata in codice rosso all'ospedale

  • Litiga con la fidanzata poi cerca di farla finita: 37enne salvato a Monza

  • Perde il controllo dell'auto in Valassina, si schianta contro il guard rail e si ribalta

  • Omicidio a Cernusco, uomo ucciso nei box del condominio: freddato in auto a colpi di pistola

  • Alle porte della Brianza apre un nuovo supermercato

Torna su
MonzaToday è in caricamento