Brugherio, la Candy si sposta in Cina e i dipendenti bloccano i cancelli

Lunedì mattina i dipendenti dell'azienda hanno impedito ai tir di scaricare la merce. La protesta dopo la decisione dei vertici di tagliare 150 posti di lavoro

Candy: lo storico marchio delocalizza in Cina

BRUGHERIO - Acque agitate e dipendenti sul piede di guerra alla Candy di Brugherio, dove questa mattina in lavoratori in cassa integrazione hanno raggiunto lo stabilimento e impedito ai tir di entrare per scaricare la merce. I dipendenti sono in cassa integrazione da tre settimane, ma i motivi del gesto vanno ricercati nell’incontro di venerdì scorso tra i vertici aziendali e le maestranze. Il presidente Aldo Fumagalli ha infatti confermato l'intenzione di trasferire un altro blocco di produzione in Cina; i posti di lavoro tagliati sarebbero circa 150 un terzo dei 450 totali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ponti tibetani della Lombardia dove portare i bambini

  • I luoghi (che non tutti conoscono) dove fare il bagno in Lombardia

  • Brugherio, incendio nella notte nella pizzeria Lo Stregone: tre famiglie evacuate

  • Coronavirus, un solo nuovo contagio a Monza: sindaco incontra i gestori dei locali

  • Giovani ragazze costrette a prostituirsi in un club privato a Varedo: sette arresti

  • Spostamenti fuori regione, la Lombardia rischia di restare "chiusa" altre due settimane

Torna su
MonzaToday è in caricamento