Non vedente rimproverato per il cane in chiesa: il prete gli chiede di 'fare pace'

Dopo l'episodio dei giorni scorsi, l'uomo e il sacerdote si sono rappacificati

"Posso darti una stretta di mano?". Questa la domanda che il sacerdote della Parrocchia di Santo Stefano ha rivolto al non vedente che negli scorsi giorni aveva denunciato di essere stato rimproverato dal don, dopo che il suo cane guida aveva abbaiato nel corso di una funzione. Tra i due uomini il 3 gennaio c'è stato un momento di riconciliazione.

"Stamane mi sono recato nella mia Parrocchia, per partecipare alle esequie funebri di un caro vicino di casa", racconta l'uomo sulla pagina Facebook 'Sesto Segnalazioni', specificando come per un caso ci fosse proprio il prete con cui aveva avuto 'uno scontro' ad officiare la messa.

"Stavo risalendo in auto per tornare al lavoro quando lo sento sopraggiungere, di corsa, attraversando la piazza antistante la Chiesa", continua il non vedente, rivelando come il sacerdote gli abbia chiesto un segno di pace: "Posso darti una stretta di mano, piu virile, questa volta?".

"Ci siamo salutati, nessuna altra parola - prosegue l'uomo sulla pagina social -. Avrebbe potuto benissimo far finta di nulla, nessuno, in questa particolare circostanza, in una sede diversa, avrebbe messo in relazione la sua persona alla mia ed all’episodio di cui, forse, troppo si è parlato". Proprio per questo il non vedente ha sentito il bisogno di ringraziare il sacerdote, "pubblicamente, come pubblicamente ho denunciato il suo comportamento", annota su Facebook.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'uomo si dice grato per quello che definisce "un gesto inaspettato, che credo sincero e, sicuramente, coraggioso". Poi conclude così: "Sento la necessità di condividere la mia profonda convinzione che ci sia qualcuno che guida ogni accadimento, per permetterci di comprendere, crescere e diventare persone migliori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I luoghi (che non tutti conoscono) dove fare il bagno in Lombardia

  • Brugherio, incendio nella notte nella pizzeria Lo Stregone: tre famiglie evacuate

  • Coronavirus, un solo nuovo contagio a Monza: sindaco incontra i gestori dei locali

  • Spostamenti fuori regione, la Lombardia rischia di restare "chiusa" altre due settimane

  • Monza, è morta Rossana Lorenzini, la mamma di Pippo Civati

  • Positivo al Covid esce e va in giro: uomo denunciato per 'diffusione di malattia infettiva'

Torna su
MonzaToday è in caricamento