Vimercate resta senza piscina: il sindaco dispone la chiusura immediata dell'impianto

All'origine della decisione il mancato rilascio della certificazione anti-incendio

La piscina di Vimercate

La piscina di Vimercate costretta a chiudere. A disporlo, con una diffida, è stato il sindaco del comune brianzolo che ha imposto alla società InSport la sospensione delle attività in corso in seguito alla ricezione della nota dei vigili del fuoco relativa in cui si informa che non è stata rilasciata la certificazione anti-incendio. 

Per la piscina comunale di via Degli Atleti è quindi ormai inevitabile la chiusura. “Ricordiamo che in base ad un accordo con l’Amministrazione comunale, l’attuale gestore titolare dell’attività, a luglio 2017 aveva predisposto la SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) relativa all’impianto natatorio, depositandola presso il Comando dei Vigili del Fuoco di Milano” hanno spiegato dal municipio con una nota. “I Vigili del Fuoco, a seguito di sopralluogo, hanno comunicato a maggio di quest’anno una serie di prescrizioni a carico del gestore da adempiere entro 45 giorni, così come stabilito dalla legge, per poter ottenere parere favorevole alla CPI (certificazione prevenzione incendi)”.

Gli adeguamenti però non sono stati effettuati entro il termine stabilito e non sono stati completati tutti gli interventi richiesti ed è stato comunicato al gestore, al Sindaco e al Prefetto, il parere contrario al rilascio del certificato di prevenzione incendi (CPI), con le dovute conseguenze.

“Per la sicurezza dei Cittadini, di fronte all’evidenza di una mancanza grave, ho il dovere di procedere alla richiesta di interruzione delle attività. È evidente come la struttura abbia operato per vent’anni senza che ci si preoccupasse della sussistenza delle condizioni necessarie, e dopo la mia elezione, mi sono subito attivato, chiedendo la collaborazione del gestore, affinché questa grave situazione venisse sanata, ma adesso devo prendere atto che, nonostante le azioni portate avanti, questo percorso non ha prodotto i risultati sperati”.

La comunicazione agli utenti

Per limitare i disagi nei confronti degli utenti la società InSport ha predisposto un piano organizzativo che consente di spostare le attività presso le strutture di Arcore o Concorezzo. Le Famiglie di tutti gli iscritti ai centri estivi saranno contattate telefonicamente per proporre lo spostamento alle medesime condizioni presso le strutture di Arcore (Via San Martino) e Concorezzo (Via Pio X) oppure per concordare il rimborso della quota già versata. Gli abbonati al nuoto libero e tutti gli utenti con altre tipologie di iscrizioni attive potranno conservare e proseguire le proprie attività alle medesime condizioni – previo accordo – presso le strutture di Arcore (Via San Martino) e Concorezzo (Via Pio X) oppure concordare il rimborso della quota già versata scrivendo alla e‐mail vimercate@insportsrl.it fornendo i propri dati.

Potrebbe interessarti

  • Le 5 migliori gelaterie di Monza e Brianza

  • Idee per il weekend: 5 mete a meno di 150 km da Monza

  • Via dalla città: i 5 migliori luoghi per un pic-nic in Lombardia

  • Falangio, la pianta capace di purificare l'aria

I più letti della settimana

  • C'è una bomba da disinnescare, chiusi alcuni tratti dell'autostrada A4 domenica 16 giugno

  • Carate Brianza, uomo trovato senza vita in casa: morto 69enne

  • Fan e sostenitori fuori dalla casa pignorata di Morgan a Monza: sfratto rinviato

  • Intelligenza artificiale per assumere: ecco come cambiano i colloqui in Esselunga

  • Sequestra una donna, la picchia per tutta la notte e la violenta nella sua roulotte: arrestato

  • Sale sul tetto della pizzeria e minaccia di gettarsi nel vuoto per protestare contro la chiusura

Torna su
MonzaToday è in caricamento