Desio, cerimonia di consegna della cittadinanza onoraria ai bambini stranieri

Sabato 8 giugno, nei giardini di Villa Tittoni

Bambini - Archivio

A Desio trecento bambini riceveranno la cittadinanza onoraria. La cerimonia si terrà il prossimo 8 giugno, nei giardini di Villa Tittoni (ingresso da Via Cavalieri di Vittorio Veneto).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco del comune brianzolo, Roberto Corti, conferirà la simbolica “cittadinanza onoraria” ai circa 300 bambini di origine straniera, nati in italia e residenti a Desio.
Già nel giugno 2014, in collaborazione con l’Unicef, nell’ambito del progetto "IO COME TU”, l’Amministrazione comunale aveva realizzato una prima cerimonia, ora si va avanti nel percorso di sensibilizzazione sul diritto alla cittadinanza, organizzando un nuovo evento per consegnare ai bambini e alle bambine nati in Italia (dal 2014 ad oggi) da genitori stranieri e residenti a Desio, un simbolico diploma di “cittadinanza onoraria” quale gesto di accoglienza e attenzione per l’affermazione dell’uguaglianza dei diritti e l’eliminazione delle discriminazioni.
La cerimonia anche quest’anno è organizzata in collaborazione con l’UNICEF Monza e Brianza e le associazioni locali che si occupano dei temi dell’integrazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Rave party" in strada a Monza: nel caos, un uomo viene aggredito brutalmente e rapinato

  • Schianto frontale sulla statale: drammatico il bilancio, morti due giovani di 28 anni

  • 10 luoghi in cui fare il bagno al lago, poco lontano da Monza

  • Paura a Vimercate, si accascia a terra: trasportata in codice rosso all'ospedale

  • Cammina seminudo in strada, 36enne arrestato a Giussano: era già stato espulso

  • Non compila autocertificazione, infermiera non entra in piscina: "Io discriminata"

Torna su
MonzaToday è in caricamento