Donna uccisa a Desio, soluzione da tracce di sangue

Sono state le tracce ematiche a consentire ai militari di imboccare la pista giusta. La vittima aveva resistito prima di essere uccisa, ferendo due dei tre rapinatori. Sono imputati di omicidio volontario aggravato e altri reati

DESIO - Sono state alcune tracce di sangue, lasciate abbondantemente da uno dei tre assassini feriti, uno degli elementi che ha determinato la soluzione lampo dell'omicidio di Franca Lo Jacono, la donna di 61 anni uccisa nel suo box mentre rincasava a Desio (Monza). Seguendo queste tracce, i carabinieri hanno imboccato la strada giusta che poi li ha portati all'identificazione dei tre. Si tratta di Antonino Radaelli, 51 anni di Desio, Raffaele Petrullo, 33 anni di Paderno Dugnano (Milano) e di Antonio Giarrana (l'ideatore della rapina), di 29 anni residente a Desio ma originario della zona di Ravanusa (Agrigento), la cittadina da cui è originario il consuocero della donna Paolo Vivacqua ucciso il 14 novembre scorso durante un'esecuzione a Desio. I tre sono accusati di omicidio volontario aggravato, rapina aggravata, e per i due esecutori materiali dell'esecuzione, Radaelli e Giarrana, anche di porto abusivo d'arma.
(ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dai soldi della 'Ndrangheta alla fortuna dei ristoranti: sequestrati "giro-pizza" e 9 arresti

  • Incidente in moto in A4, morto Ernesto Galliani: 55enne lascia moglie e due figli

  • Viaggiano su auto piena di oro e soldi: 30enni fermati e denunciati per ricettazione

  • I soldi della 'Ndrangheta per aprire ristoranti: sequestro da 10 milioni, 9 persone in manette

  • Vimercate, sette ragazzini soccorsi da ambulanza a scuola per uno "strano" prurito

  • Perde il controllo dell'auto e si schianta contro il guard-rail: 55enne soccorso in Valassina

Torna su
MonzaToday è in caricamento