Tentano il colpo in una gelateria: i carabinieri li sorprendono

I carabinieri hanno pizzicato un uomo in piedi davanti alla saracinesca della gelateria e un complice in auto: nella vettura i militari hanno scovato un cric con cui i due avevano provato a mettere a segno il colpo

La notte del 3 giugno

Qualche minuto in più e magari avrebbero svaligiato l'intero esercizio commerciale.

Una fortuita coincidenza ha voluto che nella notte tra martedì e mercoledì una pattuglia dei carabinieri sorprendesse due ladri in azione davanti a una gelateria di viale Lombardia a Brugherio.

I militari, impegnati in un servizio di controllo della zona, hanno notato in piedi davanti alla saracinesca una persona e, vista l'ora tarda e l'atteggiamento sospetto dell'uomo, hanno deciso di effettuare dei controlli.

Oltre al malintenzionato posizionato nei pressi della gelateria in auto, poco distante, c'era anche un complice.

La saracinesca dell'esercizio commerciale era stata forzata con un cric che i carabinieri hanno poi trovato perquisendo la vettura parcheggiata con a bordo l'altro uomo. La perquisizione ha permesso di collegare al tentato furto i due ragazzi, un italiano di 25 anni C. G., e K. J. un 32enne di origini marocchine con precedenti di polizia per reati vari e disoccupato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per entrambi è scattato l'arresto per tentato furto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si butta a terra all'Esselunga: "Ho fame" e gli regalano spesa. Poi sputa alla guardia

  • Mascherina obbligatoria per uscire: 250mila distribuite gratis a Monza e Brianza

  • Al San Gerardo 20 ventilatori polmonari grazie alla donazione della famiglia Fumagalli

  • Coronavirus, in Brianza 111 nuovi casi: al via la distribuzione (gratis) di mascherine

  • Coronavirus, nuova crescita di casi in Brianza: 141 nuovi contagi. A Monza oltre 500 positivi

  • La lettera dell'infermiera del San Gerardo: "Ho stretto le mani di chi moriva solo"

Torna su
MonzaToday è in caricamento