Il gazebo della candidata sindaco montato su uno stallo per disabili ed è subito polemica

La foto è diventata virale. La replica: "Autorizzato dal comune. E' rimasto lì per poco"

La foto pubblicata su Facebook da Iacopo Melio

Il gazebo della candidata sindaco occupa il posto riservato ai disabili e la foto diventa virale. Lo scatto, postato da Iacopo Melia sulla propria pagina Facebook, non è passato inosservato. Non solo a Bernareggio.

Inevitabili sono piovute le polemiche per l'opportunità della scelta di allestire il gazebo elettorale proprio sopra uno stallo riservato alle persone diversamente abili. Il banchetto sosteneva la candidatura di Emanuela Baio, candidata sindaco del centrodestra unito a Bernareggio ed ex senatrice Pd. 

"Preme sottolineare che la presenza del gazebo era stata regolarmente autorizzata dal Comune che aveva indicato il punto in cui allestire la postazione; si trovava ovvero ove si vedono parcheggiate le due automobili. Specifichiamo che solitamente il gazebo viene montato alternativamente in uno dei due posti liberi. Considerando che il proprietario di una delle due auto, di lì a pochissimo tempo avrebbe spostato l'automobile, gli addetti al montaggio hanno iniziato a montare il gazebo nel posto ritratto nella foto per poi rimuoverlo da quel punto come previsto. Lo stand è rimasto pertanto in quella posizione per pochi minuti ed era presenziato come ben si vede nella fotografia" hanno specificato dalla Lega di Bernareggio, sgonfiando la polemica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Porgiamo pertanto le nostre scuse se qualche persona diversamente abile possa essersi sentita ferita nei propri sentimenti o lesa nei propri diritti (anche solo vedendo quella fotografia), ma non possiamo e non vogliamo replicare a chi, vedendo quella stessa fotografia ed usandola quale strumento di aggressione politica, nascosto dietro una tastiera ha vomitato odio verso la Dottoressa Baio e verso le Donne e gli Uomini della coalizione Vita Nuova per Bernareggio e Villanova” hanno concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sopra il cielo di Monza, la magia della stella cometa Neowise

  • Incidente in tangenziale Nord, auto perde controllo e si schianta: tre ragazzi feriti

  • Trenta ragazzi al parchetto, arriva la polizia locale: due denunce e polemiche sui social

  • Non compila autocertificazione, infermiera non entra in piscina: "Io discriminata"

  • "Mi hanno rubato tutto" e sui social scatta la gara di solidarietà per aiutare artigiana

  • Schianto in moto sulle strade del Trentino, morto 43enne di Cesano Maderno

Torna su
MonzaToday è in caricamento