Maxi incendio a Seregno, fiamme in un soccorso stradale e danni per tre attività

Il rogo nella serata di giovedì presso il capannone Soccorso Italie di via Ripamonti. In corso gli accertamenti sulle cause: al momento pare essere escluso il dolo

Le fiamme (Foto Bennati/MonzaToday)

Una decina di mezzi dei vigili del fuoco e più di nove ore di intervento. A Seregno i pompieri intervenuti da tutti i distaccamenti della Brianza e da Milano hanno lavorato fino alle sei e mezza di venerdì mattina per spegnere le fiamme divampate presso il capannone del Soccorso Stradale Italie, in via Ripamonti.

L'incendio

Le fiamme, alte diversi metri, sono scoppiate intorno alle 20 e sul posto si sono precipitati inizialmente sette mezzi di emergenza dei vigili del fuoco giunti da Seregno, Carate Brianza, Desio, Lissone e Monza a cui poi, vista la violenza del rogo, si sono aggiunte altre squadre dalla Brianza e da Milano. Quando i pompieri sono arrivati in via Ripamonti giovedì sera hanno trovato fuori dall'attività, disperati, i titolari, padre e figlio, intenti a spegnere le fiamme con due manichette. Secondo quanto riferito, i due avrebbero chiuso l'officina alle 19.30 e poco dopo sarebbero stati costretti a tornare in via Ripamonti a causa dell'allarme antincendio. 

Guarda il video: la violenza delle fiamme

Rogo distrugge capannone, danni a tre attività

Le fiamme, visibili a distanza, hanno raggiunto anche il tetto del deposito e per spegnere il rogo è stato necessario anche l'intervento di un'autoscala dal distaccamento di Monza. L'incendio, secondo una prima stima dei danni, ha danneggiato una decina di mezzi tra camion e auto stipati all'interno del capannone della carrozzeria-deposito del soccorso stradale. Le operazioni di spegnimento sono state particolarmente delicate e si sono protratte fino all'alba. 

Oltre al deposito a riportare danni a causa delle fiamme sono state anche tre attività situate nelle immediate adiacenze del deposito che si trova all'interno di un complesso industriale tra via Ripamonti e via Pacini. Il crollo dei muri perimetrali del capannone ha interessato anche una falegnameria, il deposito di un magazzino edile e anche la Fer Strumenti.

incendio carrozzeria auto-2

Ustione alla mano per un ragazzo

Sul posto, insieme ale squadre dei vigili del fuoco, sono accorsi anche i carabinieri della compagnia di Seregno, la polizia locale e i mezzi del 118 in via precauzionale. I sanitari hanno prestato assistenza a padre e figlio ma nessuno dei due è stato trasferito in ospedale. Al termine dell'intervento il più giovane, un ragazzo di venticinque anni, a causa di una leggera ustione alla mano sinistra procuratasi nel tentativo di spegnere l'incendio, si è recato al Pronto Soccorso. 

L'ipotesi accidentale, il probabile corto circuito 

Al momento sono in corso accertamenti per stabilire l'esatta origine del rogo. Secondo una prima ricostruzione pare che a innescare le fiamme sia stato un corto circuito originatosi da un mezzo del soccorso stradale presente nel capannone. Al momento dunque pare essere escluso il dolo. 

Video | Il capannone divorato dalle fiamme 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si butta a terra all'Esselunga: "Ho fame" e gli regalano spesa. Poi sputa alla guardia

  • Mascherina obbligatoria per uscire: 250mila distribuite gratis a Monza e Brianza

  • Al San Gerardo 20 ventilatori polmonari grazie alla donazione della famiglia Fumagalli

  • Coronavirus, in Brianza 111 nuovi casi: al via la distribuzione (gratis) di mascherine

  • Coronavirus, nuova crescita di casi in Brianza: 141 nuovi contagi. A Monza oltre 500 positivi

  • La lettera dell'infermiera del San Gerardo: "Ho stretto le mani di chi moriva solo"

Torna su
MonzaToday è in caricamento