Viale Fermi, spunta un video dell'incidente in cui è morto il piccolo Liam

Il neonato, di appena tredici giorni, ha perso la vita nel drammatico schianto di domenica mattina. Sono arrivati anche i riscontri dell'esame tossicologico effettuato sul papà del piccolo

L'incidente (Foto Bennati/MonzaToday)

La risposta alle tante domande ancora senza una spiegazione riguardo al drammatico incidente avvenuto domenica mattina in cui ha perso la vita il piccolo Liam Thomas, neonato di appena tredici giorni vita, potrebbero essere contenute in un video. 

I frame ripresi da una telecamera di videosorveglianza di un distributore di benzina situato nel tratto, acquisiti mercoledì sera dalla polizia locale, mostrano il momento dello schianto della Fiat Punto contro il guardrail in cui non ci sarebbe nessun altro mezzo coinvolto. La vettura condotta dal papà ventenne sbanda e perde improvvisamente il controllo all'imbocco del tunnel di viale Fermi, in direzione di Concorezzo, schiantandosi contro le barriere.

Un impatto violento che ha distrutto la Punto che si è subito trasformata in una trappola di lamiere per la giovane famiglia, composta dal padre ventenne, al volante, dalla mamma di 19 anni, forse seduta sul sedile posteriore, e dal piccolo Liam Thomas nato il 30 ottobre scorso a Milano. Le condizioni del neonato sono apparse fin da subito gravissime e il piccolo è morto poco dopo all'ospedale San Gerardo di Monza. Quando gli agenti della polizia locale sono intervenuti sul luogo del sinistro hanno trovato il bambino disteso sul sedile posteriore da solo e l'ovetto incastratro tra i sedili. Attraverso le testimonianze dei primi soccorritori, gli agenti stanno cercando di ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente e capire dove fosse il bambino nel momento dello schianto e se fosse stato correttamente assicurato ai dispositivi. Nei giorni scorsi lo stesso vicecomandante della Locale Gerardo Esposito ha diffuso un appello per rintracciare il primo automobilista che avrebbe prestato i soccorsi alla famiglia e al piccolo dopo lo schianto.

Secondo i racconti degli altri testimoni ascoltati dalla polizia locale, il primo a soccorrere la famiglia dopo il drammatico schianto è stato un uomo sceso da un furgone bianco. Il soccorritore si è diretto verso il conducente che, con un filo di voce, avrebbe detto: "Il bambino". E' stato così che l'uomo - che ha compiuto un gesto di grande valore, specificano dalla Locale - si è accorto della presenza del piccolo Liam Thomas che stava rigurgitando sotto alcune coperte. Sempre secondo il racconto lo avrebbe preso in braccio e poi riadagiato sul sedile dove è stato trovato dagli agenti al loro arrivo sul luogo del sinistro. 

Intanto restano gravi le condizioni dei genitori del neonato deceduto, ancora ricoverati in ospedale. Dagli accertamenti effettuati in ospedale dopo il sinistro è emerso che il padre del piccolo, alla guida del veicolo, avesse in corpo una quantità di alcol di pochissimo superiore al limite consentito per i neopatentati e i minori di 21 anni (che è inferiore al consueto limite di 0,50 g/l), dato che non aggrava la sua posizione. La Procura di Monza ha aperto un fascicolo per omicidio colposo e lesioni gravi colpose. Il pm titolare dell'indagine, il Dottor Alessandro Pepè, ha disposto l'autopsia sul corpo del piccolo Liam e gli inquirenti stanno analizzando i tabulati telefonici per capire se il giovane stesse utilizzando il telefono al momento del tragico impatto. Il cellulare di Andres Vicente Pillajo infatti è stato trovato nell'auto, incastrato tra il parabrezza e il cruscotto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per la giornata di venerdì è in programma l'autopsia sul corpo del piccolo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sopra il cielo di Monza, la magia della stella cometa Neowise

  • Trenta ragazzi al parchetto, arriva la polizia locale: due denunce e polemiche sui social

  • Non compila autocertificazione, infermiera non entra in piscina: "Io discriminata"

  • Paura a Vimercate, si accascia a terra: trasportata in codice rosso all'ospedale

  • Schianto in moto sulle strade del Trentino, morto 43enne di Cesano Maderno

  • "Mi hanno rubato tutto" e sui social scatta la gara di solidarietà per aiutare artigiana

Torna su
MonzaToday è in caricamento