Veduggio, Lambro inquinato dagli oli esausti: aperta inchiesta

Il materiale inquinante è stato riversato presso l'Oasi di Cariggi nella notte tra sabato e domenica. Ancora in corso la bonifica, si indaga. 20mila litri di acqua rimossi nella giornata di domenica

VEDUGGIO – Ancora un inquinamento ambientale per il Lambro. Questa volta a subire danni è stato il Fossarone: un affluente del fiume Lambro. La zona inquinata è l’Oasi di Cariggi: una località ad alto valore ecologico del Parco Regionale della Valle del Lambro.

Nella notte tra sabato e domenica qualcuno ha sversato una grande quantità di oli esausti. Sono intervenuti i tecnici del settore ambiente della Provincia MB, che hanno rimosso dalla superficie del torrente circa 20mila litri di acqua imbevuta di olio.

Sul posto sono giunti anche gli agenti della Polizia provinciale, il nucleo sommozzatori dell'Idroscalo, Arpa, Brianzacque e uomini della Protezione che hanno lavorato per tutta la domenica. Le procedure di bonifica sono ancora in corso. Sul caso di inquinamento ambientale è stata aperta un’inchiesta.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Svincoli chiusi lungo la Valassina a Monza per la visita pastorale del Papa

    • Cronaca

      Scritte offensive contro Papa Francesco

    • Cronaca

      Uccise la compagna a Seveso, il 56enne accusato di omicidio si suicida in carcere

    • Cronaca

      Arrestato il medico brianzolo Norberto Confalonieri, primario al Pini di Milano

    I più letti della settimana

    • Messa di Papa Francesco a Monza: chiusure anche lungo tre strade provinciali

    • Modifiche alla viabilità a Biassono per la messa del Papa a Monza

    • Vedano al Lambro, 80enne si lancia nel vuoto dal quarto piano e muore

    • Divieto di accesso in tutta Monza dalle 6 del mattino di sabato 25 marzo

    • Messa del Papa: iscrizioni anche online

    • Irregolarità e carenze igieniche: chiuso club privé a Varedo

    Torna su
    MonzaToday è in caricamento