250.000 euro per recuperare l'ippodromo del Parco

Non sembra rientrare tra le priorità, ma il Comune ha aggiornato il progetto avviato nel 2005 per sistemare le ultime strutture rimaste dell'ex impianto ippico nel cuore del Parco: le biglietterie liberty e l'insellaggio che rischia il crollo.

MONZA – I cavalli non torneranno mai più a correre nel cuore del Parco ma comunque si cerca di non buttare via quel poco che è rimasto di quando Monza era un centro rinomato per l’ippica nazionale.

Non c’è quasi più nulla delle strutture dell’ippodromo del Parco, l’impianto sportivo creato nel 1922 e che, dopo l’incendio delle vecchie tribune in legno negli anni ’80, ha come ultime testimonianze visibili nella zona della “montagnetta di Vedano” lo scheletro delle biglietterie in stile liberty, ormai semisepolte dalla vegetazione, e il rudere delle tettoie dell’ex insellaggio. Quest’ultima inoltre è a ridosso della strada ed è transennata per il rischio di crollo, oltre ad avere elementi in amianto nella copertura.

Fin dal 2005 il Comune ha pronto un progetto di recupero dei due fabbricati e, nonostante anche adesso non rientri tra le priorità di realizzazione, la Giunta Scanagatti ha deciso di non cancellarlo e di aggiornarne il quadro economico: il recupero dei due ruderi costava nel 2005 224mila euro nel 2005, mentre ora servirebbero 250 mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente fra tre camion sull'A4, autostrada chiusa e traffico in tilt: i percorsi alternativi

  • Muggiò, controlli in un locale: maxi multa al bar e auto in divieto di sosta

  • Il gelato più buono ha il sapore di Monza: l'Albero ancora nella classifica del Gambero Rosso

  • Incidente stradale all'incrocio a Monza, auto si ribalta in via Borsa

  • Coronavirus, allerta anche a Monza: "Attivato il sistema di prevenzione e sicurezza sanitaria"

  • Veterinaria uccisa in una fattoria inglese del Devon: arrestato un ragazzo di Vimercate

Torna su
MonzaToday è in caricamento