Ragazzino aggredito dal consigliere leghista a Bellusco: la questione finisce in Senato

Il giovane è stato aggredito nella serata di venerdì 8 febbraio in

Immagine repertorio

È finita sui banchi del Senato "il caso di Bellusco": il capogruppo della Lega ed ex candidato sindaco Ferdinando Biella, nella serata di venerdì 8 febbraio, avrebbe aggredito con una testata e rotto il naso a un ragazzino di 13 anni che stava scoppiando petardi davanti a casa sua, fatto prontamente negato dal politico localeA portare la questione a Palazzo Madama è stata Simona Malpezzi, senatrice Del originaria di Cernusco sul Naviglio.

“Vorrei segnalare un episodio di cronaca che ci ha colpiti e shockati – ha dichiarato la senatrice Malpezzi – Succede a Bellusco in provincia di Monza e Brianza, dove un consigliere comunale che è anche capogruppo della Lega Nord nonchè ex candidato sindaco, ha colpito con una testata fratturandogli il setto nasale un 13enne, insultandone con insulti razzisti altri due. Le indagini sono in corso e il consigliere comunale ha ammesso di avere fatto questo, scusandosi. Ora io mi chiedo se queste scuse possano essere sufficienti, se questa impunità non sia qualcosa di eccessivo perchè io penso che nessun adulto possa sentirsi autorizzato ad alzare le mani o ad insultare dei ragazzini e in generale se sei un amministratore e se ricopri un incarico istituzionale ancora meno visto che il tuo comportamento dovrebbe essere d’esempio e di modello”.

"Nessun gesto di solidarietà da Matteo Salvini"

“Non siamo giustizialisti con nessuno, il nostro è un intervento assolutamento educativo – ha continuato la senatrice Malpezzi – Però ci chiediamo come mai il Ministro degli Interni, che non più tardi di qualche tempo fa per un episodio successo sempre nella Provincia di Monza e Brianza di una coppia eccessivamente litigiosa che aveva gettato dalla finestra un gattino aveva subito espresso sui social la solidarietà al gattino, non abbia espresso nessuna solidarietà al ragazzino in questione e soprattutto che quella forza politica abbia preso dei provvedimenti o si sia dissociata dagli atteggiamenti del loro esponente o compagno di partito. Io ritengo che per un’azione condivisa sul come si sta all’interno delle istituzioni e sul ruolo dell’adulto nella società di oggi un intervento sarebbe utile e gradito”.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Monticello: trovati i due giovani che si sono schiantati sulla rotonda a 160 km/h

  • Tragico incidente in moto: morto un uomo di 53 anni di Giussano

  • Niente più code per la scelta del medico di base e per le esenzioni: ecco il numero per le prenotazioni

  • Il trucco a cui fare attenzione? Ha a che fare con una bottiglietta d’acqua

  • Tragedia in un'azienda a Casatenovo, operaio muore all'alba

  • Si ferisce con la motozappa mentre è al lavoro nei campi: gravissimo un uomo

Torna su
MonzaToday è in caricamento