Divieto di ingresso in Italia, albanese inventa una nuova identità

La scoperta durante un controllo a Lissone

Per lui era scattato il divieto a entrare in Italia per cinque anni. Così, un cittadino albanese si era inventato una nuova identità, scrivendo sulla carta di identità di essere greco. Ma i carabinieri, che di documenti ne vedono tanti, hanno subito scoperto il maldestro camouflage. E’ accaduto a Lissone, in una casa di corte non lontano dal centro storico.

Quando, mercoledì alle 17 i militari lo hanno perquisito, hanno girato e rigirato più volte tra le mani quella carta di identità. La decisione di fare una verifica in centrale operativa, si è rivelata azzeccata: il sedicente greco in realtà era un albanese.

La scoperta è avvenuta grazie anche a un controllo delle impronte digitali. Nel novembre del 2017 era già stato accompagnato al porto di Bari, fatto salire su una nave e diretto al suo Paese, con il divieto di retromarcia per 5 anni. Da qui, le manette e il trasferimento in carcere a Monza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Decathlon, a febbraio si abbassano le serrande del negozio di Vignate

  • Monza Maestoso ha aperto le porte: ecco il centro commerciale nato dall'ex cinema

  • Concorso di Natale Esselunga: in palio 100 Mini, bracciali in oro con diamanti e iPhone

  • Incidente tra auto e moto in tangenziale Est, morto 51enne al San Gerardo di Monza

  • Incidente in Valassina, scontro tra tre auto: due persone in ospedale

  • L’infallibile trucco per mettere le lucine sull’albero di Natale

Torna su
MonzaToday è in caricamento