Scontri manifestazione anti Harlan: le mille divisioni degli animalisti

Non si amano tra loro. Spesso si detestano cordialmente. E a volte ci scappa pure la rissa, come accaduto sabato scorso a Correzzana. Viaggio nella galassia anti-Harlan , tra signore griffate, centri sociali e nuove destre

Un momento della manifestazione (da YouReporter)

CORREZZANA – Divisi, fino alla meta. L’obiettivo è uno: liberare i 104 macachi che da otto mesi stanno invecchiando in gabbie di un metro per due nei magazzini della Harlan di Correzzana: la multinazionale a stelle e strisce che – con l’autorizzazione della legge italiana - fa «sperimentazione medica su cavie da laboratorio».  Uno per tutti e tutti per uno? Non proprio. Se l’amore per gli animali li unisce, sarebbe un grave errore pensare che gli animalisti siano «un solo cuore e una sola anima».

IL CASO - Sabato scorso da dieci pullman sono sbarcati a Correzzana militanti provenienti da altrettante regioni d’Italia. Attivisti hanno raggiunto la Brianza perfino da Svezia, Spagna, Gran Bretagna e Francia. Eppure questa manifestazione ha dimostrato in modo icastico che – tra animalisti – ci si può picchiare. E  di santa ragione.  E’ quanto è successo durante il corteo, quando alcune frange estreme della manifestazione - organizzata da Freccia 45 e Fermare Green Hill – hanno chiesto ai militanti di Cento per cento animalisti di fare dietro front. E di andarsene. Di fronte al loro rifiuto, sono volati spintoni, schiaffi e qualche cazzotto.

Ora i leader delle due associazioni gettano acqua sul fuoco: «Chiediamo scusa per quanto è accaduto» ha sillabato Susanna Chiesa di Freccia 45. «L'animalismo vero non ha colore politico» gli ha fatto eco Paolo Mocavero, fondatore  di Cento per cento animalisti. Ma ormai la frittata è fatta. E le liti e gli insulti – documentati da smartphone e ipad – sono finiti per sempre nella blogsfera del web. A futura memoria.

UN MOSAICO TRASVERSALE - La manifestazione di Correzzana – insomma – ha rivelato quanto il mosaico del mondo animalista sia trasversale. A sfilare nel lungo corteo che si è snodato tra Lesmo e Correzzana c’era un pubblico quanto mai variegato: i disoccupati che «non cercano lavoro e non studiano» accanto alla signora in tailleur «grandifirme» e il pechinese con il cappottino, pure lui con griffe di alta sartoria; professoresse milanesi e casalinghe brianzole; studenti adolescenti e nonni ultraottantenni. Se poi – uno accanto all’altro – si trovano anarchici e militanti dei centri sociali e neofascisti, può accadere che addirittura il corteo debba essere scortato passo dopo passo da un cordone di carabinieri e polizia.

Ma quanto può essere variegato e multicolore il mosaico delle sigle animaliste? Tanto, anzi tantissimo. Davanti ai cancelli della Harlan sabato scorso si sono ritrovati 2.000 manifestanti. E – almeno – 50 bandiere corrispondenti ad altrettante organizzazioni animaliste. Molti attivisti sono così diversi tra loro che – se si ritrovano vicini– non possono fare altro che litigare. Altro che «pace e amore». Come dire: finché si tratta di lottare per i beagle di Montichiari, di prendere le difese delle oche di Lacchiarella o per dare addosso al Palio degli asini di Colle Brianza,  tutti uniti. Ma sul resto, su tutto il resto,  più diversi che mai. Come cane e gatto.

LITIGARE? PIU' FACILE CHE PARLARE - Se si è rivelato profondo il diverbio tra Freccia 45 e Cento per cento animalisti, abissale – per esempio – è anche la contrapposizione che oppone il coordinamento Fermare Green Hill con Occupy Green Hill – Animal Amnesty: due sigle che pure si trovano a manifestare per gli stessi cuccioli. Si può digiunare insieme per liberare dei cagnolini e nello stesso detestarsi cordialmente: è il mondo degli animalisti, bellezza.

«A volte litigare è più facile che parlare» tenta di chiosare Fabiana Russo, di Animalisti italiani. Eppure tentare di minimizzare le divisioni e le differenze, oppure liquidare tutto come una «degenerazione» o come «beghe da cortile» espone a un errore grave: fare come lo struzzo, che mette la testa sotto la sabbia. Perfino un personaggio carismatico come Michela Vittoria Brambilla divide i cuori: c’è chi come Animal Amnesty la adora e ne ha fatto una bandiera. E c’è chi invece – come Freccia 45 - con la «rossa» ci ha litigato. Al punto da finire in un’aula di tribunale.

DIFFERENTI GRADAZIONI - Ma che cosa significa amare gli animali? Tra eretici e ortodossi, questa definizione può avere una, nessuna, centomila sfumature. I vegani – per esempio – sono convinti che non sia lecito cibarsi di nessun animale. I vegetariani patosensibili ammettono la pesca, ma non la caccia, perché nel primo caso la sofferenza è molto meno percepibile. Gli amorevolisti assoluti ritengono che gli animali domestici debbano godere degli stessi diritti dell’uomo. Ancora più radicali gli antispecisti, secondo i quali non c’è nessuna differenza tra una specie animale e l’altra. Traduzione: uccidere una zanzara e un essere umano, secondo il loro credo, è la stessa cosa. I vivisettori sono contrari a ogni forma di esperimento su animali. Ci sono poi gli animalisti assoluti, contrari a ogni sfruttamento degli animali per le attività umane. Perfino per l'agricoltura. La «babele» animalista è così infinitamente ricca di «variazioni» che – a declinarle tutte – non basterebbe un volume alto come l’elenco del telefono.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LIONE - Settimana prossima il «circo» animalista si sposterà a Lione, davanti ai cancelli della Marshall, proprietaria di Green Hill. Saranno migliaia i manifestanti, molti dei quali partiranno anche dalla Brianza. Ma le divisioni, e le contraddizioni, viaggeranno insieme a loro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sopra il cielo di Monza, la magia della stella cometa Neowise

  • "Rave party" in strada a Monza: nel caos, un uomo viene aggredito brutalmente e rapinato

  • Paura a Vimercate, si accascia a terra: trasportata in codice rosso all'ospedale

  • Schianto frontale sulla statale: drammatico il bilancio, morti due giovani di 28 anni

  • Cammina seminudo in strada, 36enne arrestato a Giussano: era già stato espulso

  • Non compila autocertificazione, infermiera non entra in piscina: "Io discriminata"

Torna su
MonzaToday è in caricamento