L'impresa di Max e Luciano, tutta la maratona corsa spingendo l'amico in sedia a rotelle

Il "miracolo" per la Alessio Tavecchio onlus che domenica ha organizzato una raccolta fondi

Massimiliano, Alessio e Luciano

Per 42 chilometri e 192 metri sono stati i suoi fidi scudieri. Per 42 chilometri e 192 metri lo hanno scortato, spinto, letteralmente. Poi, una volta sotto il traguardo, si sono fermati e accasciati in un misto magico di stanchezza, emozione e gioia. Perché quella di Alessio Tavecchio, Luciano Schiavone e Massimiliano Monzani è stata una "Milano Marathon" decisamente speciale. 

Loro, ognuno con il proprio ruolo, quella gara l'hanno corsa insieme, senza dividersi mai. Alessio - 48enne bergamasco, paraplegico dal 1993 - seduto sulla sua sedia a rotelle e Max e Lucio dietro, a "guidarlo" dall'inizio alla fine del percorso. 

Video | L'arrivo di Alessio, Max e Lucio

La corsa per la Onlus

Il loro obiettivo domenica era uno: arrivare al traguardo per raccogliere fondi per la "Alessio Tavecchio onlus", l'associazione che ha deciso di trasformare un terreno accanto al PalaIper di Monza in un orto e un vigneto solidali e didattici per persone con disabilità, studenti e richiedenti asilo. 

I primi lavori sono terminati, ma Alessio - uno che non si arrende, uno che dopo l'incidente in moto che gli ha cambiato la vita è diventato atleta paralimpico - adesso ha bisogno di soldi per rendere quell'orto accessibile a tutti. E quei soldi li ha cercati proprio partecipando alla maratona per alzare l'attenzione sul proprio progetto e raccogliere fondi con le staffette. 

L'impresa di Max e Lucio 

Al suo fianco in strada sono scesi Luciano Schiavone - 60enne dipendente di Città Metropolitana - e Max Monzani, operaio di cinquanta anni e una passione per la corsa scoperta da non più di cinque anni. 

"Fino all'anno scorso correvo per il tempo, volevo chiudere una maratona entro le 3 ore e 30 e nel 2018 ci sono riuscito - racconta a MilanoToday -. A quel punto ho deciso di correre per altro, di farlo per le emozioni. L'anno scorso ho fatto la '100 chilometri del Passatore' e lì ho incontrato dei ragazzi non vedenti che sono riusciti a coprire tutto il percorso". 

"Mi ha colpito la loro grinta, la loro energia e mi sono detto che da quel momento avrei corso soltanto per chi purtroppo non può, per dare a loro le emozioni che provo io", spiega. Da lì, grazie a un'amica in comune, l'incontro con Alessio Tavecchio, con il suo progetto e con il "mio socio" - come lo chiama - Lucio. 

I 40 chilometri spingendo 

”È stato fantastico, ho provato una gioia immensa. La sera dopo la corsa avevo ancora un'adrenalina incredibile", le parole di Max. "E la cosa più bella è stata la reazione degli altri corridori, in tanti, tantissimi si sono offerti di darci il cambio e di aiutarci". 

Ma Lucio e Max la corsa l'hanno chiusa da soli, con il tempo di 4 ore e 10. Poi, sotto il traguardo, gli abbracci e le lacrime per una medaglia speciale, quella del cuore e della solidarietà. 

arrivo maratona sedia a rotelle-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Cinisello Balsamo, bimba di 4 anni investita da auto: soccorsa e portata al San Gerardo

  • Sopra il cielo di Monza, la magia della stella cometa Neowise

  • Incidente in tangenziale Nord, auto perde controllo e si schianta: tre ragazzi feriti

  • Trenta ragazzi al parchetto, arriva la polizia locale: due denunce e polemiche sui social

  • "Mi hanno rubato tutto" e sui social scatta la gara di solidarietà per aiutare artigiana

  • Asfalti Brianza, dalla notte da incubo all'ordinanza di sospensione dell'attività

Torna su
MonzaToday è in caricamento