Morto a 49 anni Martino Zanotta, il "Re" dei mobili di design della Brianza

Si è spento nella giornata di mercoledì 21 novembre all'ospedale di Monza. Sabato i funerali

Martino Zanotta (frame da Video Inrtervista Tekla Youtube)

È morto nella giornata di mercoledì 21 novembre Martino Zanotta, erede 49enne dell'omonima azienda di arredamenti di Nova Milanese famosa in Italia e nel Mondo per l'arredo e il design. L'ex amministratore delegato della società fondata dal papà Aurelio era ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Monza. 

Secondo di tre figli - aveva due sorelle -, fino al 2014 Martino è stato presidente e amministratore delegato della società. Non solo: aveva ricoperto anche il ruolo di direttore commerciale ed era stato il promotore e ideatore del primo negozio monomarca a Milano. 

Nel 2005 era entrato nel consiglio direttivo di Assarredo, mentre nel 2006 era diventato membro del consiglio di amministrazione di Altagamma. Per la sua attività professionale aveva ricevuto dal consiglio dei ministri la Medaglia d'oro al merito industriale.

I funerali si terranno sabato 24 novembre nella chiesa di San Pio X in via della Birona a Monza. La salma sarà tumulata nella cappella di famiglia a San Fedele d'Intelvi.

Potrebbe interessarti

  • La scopa elettrica senza fili conviene per davvero?

  • Il colore di capelli più cool dell’estate? È l’Icy White

  • Casa piccola? Gli errori da non fare quando la si arreda

  • Fuga da Monza: in mountain-bike da Paderno al traghetto di Leonardo

I più letti della settimana

  • Grosso incendio alla stazione di Monza: fumo in tutta la zona

  • Incidente in tangenziale Est a Carugate, auto finiscono fuori strada e una si ribalta: due feriti

  • Incidente mortale a Seveso: muore ragazzo di 18 anni

  • Due 28enni aggrediti al parco della droga, uno accoltellato e ferito a colpi di pistola: è grave

  • Incidenti, violento schianto auto-moto: gravi un 17enne e una 13enne

  • Si tuffa nell'Adda e scompare: morto annegato ragazzo di 22 anni

Torna su
MonzaToday è in caricamento