Baby gang semina il panico in centro, minorenni spintonano e fanno cadere un agente

Quattro ragazzi tra i tredici e i sedici anni sono stati denunciati per resistenza e violenza a pubblico ufficiale e false generalità. Il più piccolo è finito nei guai anche per minacce

Hanno seminato il panico in centro Monza per un pomeriggio, molestando i passanti, spintonando i malcapitati che si sono trovati a incrociare il cammino della baby gang e facendo addirittura cadere a terra un agente della polizia locale.

In quattro, tutti giovanissimi italiani tra i tredici e i sedici anni, residenti a Cologno Monzese, Desio e Agrate Brianza, sono stati denunciati per resistenza e violenza a pubblico ufficiale, false generalità e il più piccolo, anche per minacce. 

Tutto è cominciato lo scorso venerdì quando l'agente viabilista in servizio in centro è stato fermato da alcuni passanti che segnalavano la presenza di alcuni minorenni autori di "scorrerie" tra il Duomo e le vie circostanti dove "riconcorrevano le persone con urla disumane, recando scompiglio".

Proprio in piazza Duomo l'agente ha notato due ragazzini e li ha avvicinati: il viabilista non ha fatto nemmeno in tempo a chiedere ai giovani le generalità che si è avvicinato un terzo componente della baby gang che ha subito iniziato a spintonarlo, chiedendo il perchè di quel controllo. Tutti i ragazzi poi gli hanno dato manforte, hanno accerchiato l'agente e lo hanno spinto fino a farlo cadere a terra e mandarlo in ospedale. 

Il pubblico ufficiale è riuscito a chiedere supporto ai colleghi in comando e immediatamente alcune pattuglie si sono messe alla ricerca dei giovani in fuga. Poco dopo, grazie alle segnalazioni dei passanti che riferivano di aver notato la gang dirigersi verso la stazione, i quattro sono stati raggiunti all'altezza del primo binario dove, anzichè fermarsi, hanno aggredito gli agenti, spintonando uno degli uomini della polizia locale contro un muro. 

I ragazzini sono stati accompagnati in comando e denunciati. Il più piccolo dei quattro poi, un tredicenne residente ad Agrate Brianza, ha minacciato le forze dell'ordine e, paventando ritorsioni contro chi ha svolto il proprio dovere, ha detto: "Sono il nipote di quello che ha fatto la rapina, siamo i calabresi di Agrate noi e vedremo come finisce questa cosa". 

I ragazzi sono stati riaffidati ai genitori e dell'accaduto è stata informata la Procura presso il Tribunale dei Minori di Milano per attivare l'intervento degli assistenti sociali. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Ahahahah i calabresi di Agrate! Ahahahah. Soliti ragazzini cannaioli del Madre Terra di via Lambro

  • La maleducazione, il menefreghismo, il senso civico pari allo ZERO, i genitori che sarebbero da RINCHIUDERE visto che NON sanno nemmeno educare i figli. Che bella Italia prevedo per il futuro.

  • Spinto per terra e madato all'ospedale hahah ma cosa state dicendo ahaha

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Picchiano e feriscono una prostituta per rapinarla: la polizia di Stato arresta un richiedente asilo

  • Cronaca

    Rapinatori incappucciati puntano pistola contro benzinaio e lo derubano

  • Cronaca

    L'ultima tappa del Giro d'Italia parte da Monza: porte aperte in Autodromo

  • Cronaca

    Guida il taxi con la patente scaduta e senza assicurazione: maxi multa per un milanese

I più letti della settimana

  • La metropolitana arriva a Monza, presentati i piani per il prolungamento della M1 e della M5

  • Salvo del Grande Fratello apre una nuova pizzeria in Brianza

  • L'ultima tappa del Giro d'Italia parte da Monza: porte aperte in Autodromo

  • Si barrica in casa e minaccia di far esplodere l'appartamento: carabinieri e vigili del fuoco in via Bonzi a Desio

  • Cena in Bianco, per il terzo anno la magia dell'unconventional dinner incanta Monza

  • Maxi sequestro di beni per un imprenditore brianzolo ritenuto vicino alla 'Ndrangheta

Torna su
MonzaToday è in caricamento