Il comitato non ci sta: "Via l'Autodromo, il Parco torni alle origini"

"Non di colpo, progressivamente" - spiega Bichi Montrasio, la rossa pasionaria del comitato Antonio Cederna - "ma bisogna riparare allo scempio di 90 anni fa". Ma nel mirino c'è anche il Golf: "Si trova in uno spazio pubblico, ma è stato requisito da 700 ricchi". Ecco cosa vogliono

Bianca "Bichi" Montrasio e Giorgio Majoli

MONZA - Ce l'hanno con l'Autodromo, con il Golf e con chi non rispetta il Parco. Ma non chiamateli integralisti. "Vogliamo solo riparare un danno che è stato commesso 90 anni fa" spiega Bichi Montrasio, presidentessa del Comitato Antonio Cederna. La pasionaria monzese ne ha per tutti: per il Comune ("Che bello se il sindaco, che abita qui vicino, venisse a questa riunione ad ascoltarci"), con Sias ("Le società concessionarie fanno quello che vogliono all'interno di un'area protetta da vincoli ambientali"), con il Golf ("Hanno reso il parco cintato più grande d'europa quello più recintato di tutti, e questo per dare la possibilità di giocare a 700 persone straricche"). Nelle parole trasuda però amore per il polmone verde. Montrasio mostra  un giornale d'epoca ( anni '20) in cui la costruzione dell'Autodromo veniva già osteggiata in un lungo editoriale, assieme a foto dello scempio compiuto dai tifosi durante il Gran Premio. "Ma non sono i supporter i responsabili, sa che molti di loro non sanno nemmeno di trovarsi in un parco storico? Per questo negli anni passati abbiamo cercato di informarli".

TURISMO SLOW - E' un bilancio alternativo del GP quello presentato stamane dal Comitato, che vuole tornare - "progressivamente" - a restaurare l'aspetto originale del Parco. Tradotto: via tutto, a partire dall'Autodromo. "Non ci opponiamo a salvaguardare alcune parti a mo' di memoria, ma il circuito è stato uno scempio ingegneristico sin dal principio, a cominciare dalle paraboliche: pensi che non ci si può nemmeno correre!".

Le questioni affrontate da Montrasio sono però più ampie, e riguardano la scoperta di Monza come città modello di  un turismo slow, più che mordi e fuggi. "Ma per farlo mancano politiche culturali che spalmino la presenza su tutto l'arco dell'anno, ad esempio creando dei festival che richiamino pubblico da fuori".

COSA VOGLIONO  - Le richieste del Comitato sono sintetizzate dallo slogan "Non biglietti ma progetti", in riferimento alla polemica sui ticket gratuiti a politici e notabili di cui Monza Today vi ha parlato nei giorni scorsi. "Più che andare al Gran Premio, crediamo che politici e assessori debbano occuparsi dei progetti volti a riqualificare le valenze storiche, culturali e artistiche della Villa e dei Giardini che giacciono da tempo inattuati". Qualche esempio? "Il museo di botanica alla Villa Mirabellino, finanziato negli anni '90 e poi dimenticato, come il complesso che dovrebbe ospitarlo, che celebra il primo quindicennio di totale abbandono". Poi c'è l'abbattimento delle curve sopraelevate, "fatiscenti e pericolose, oltre che previsto da diversi strumenti urbanistici". Infine l'abbattimento delle recinzioni del Golf Club e la loro sostituzione con essenze arboree che consentano il passaggio del pubblico entro percorsi definiti, "come avviene nei moderni impianti pubblici". Il comitato chiede inoltre lo scorporo del fontanile della Roggia Pelucca dal tracciato, che comporterebbe il sacrificio di una buca. Ultime richieste di quella che è una visione a tutto tondo, sono la presentazione di un piano di zonizzazione acustica - i cui capisaldi normativi sono stati illustrati  dall'architetto Giorgio Majoli - e un rinegoziazione delle concessioni per Golf (durata 14 anni, scade nel 2022) e per l'Autodromo (durata 19 anni, scadenza 2027).  
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di Milani
    Milani

    Grandi quelli del Comitato Parco!!! Era ora che si ricordasse ai Monzesi, e non solo, che stanno perdendo il loro vero fiore all'occhiello! L'autodromo porta quattrini a chi già li ha mentre toglie spazi verdi e tranquillità a chi cerca momenti di pace e tranquillità nell'unica zona verde. Sì, gradualmente ma l'autodromo deve andarsene. Non potrà durare all'infinito perchè l'Italia è un paese vecchio e ci sono sempre più paesi pieni di quattrini che corteggiano Ecclestone per correre  la F.1 nel loro paese. Ecclestone guarda i soldi non l'interesse locale di Sias e supporters locali e "provinciali"; il mondo è molto più grande di quanto qui a Monza si crede! Ginky

  • Avatar anonimo di fra
    fra

    Autodromo FUORI dal Parco e Monza valorizzata per la sua storia e nuovi eventi culturali. Ecco qualcuno che dice qualcosa di sensato!

  • Avatar anonimo di ice91
    ice91

    Pur essendo un grande appassionato di motori, devo ammettere che condivido quanto dice questa attivista. In fondo, autodromo e golf, sommati fra di loro, occupano un'estensione pari quasi alla metà dell'intero Parco. Il golf è cosa per pochissimi, quanto all'Autodromo... viene da chiedersi per quanto tempo ancora si riuscirà a conservare il GP di Monza di F1. Mi risulta che i boss della F1 spingano verso i mercati emergenti o verso i tracciati cittadini.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Verso la fermata Monza Parco Est, Rfi approva il progetto

  • Cronaca

    Scoperto e arrestato il ladro del ristorante immortalato in azione e finito sui social

  • Cronaca

    "Mi hanno aggredito e rubato il portafoglio", in via Mentana interviene la polizia

  • Cronaca

    K-Flex, ad Arcore il consiglio comunale dona ai lavoratori il gettone di presenza

I più letti della settimana

  • Sesso con una prostituta dietro un cespuglio sotto le finestre, multa da diecimila euro

  • Si rifà il naso per 57mila euro, poi minaccia il medico: arrestato tronista di Uomini e Donne

  • Incidente in via Casati, auto si ribalta ad Arcore: soccorse tre giovanissime

  • Incendio in una rimessa alle porte di Monza, venti mezzi devastati dalle fiamme

  • Tragedia in vacanza, brianzolo travolto dal suo camper muore in mare

  • Sospetto malore per un uomo, 43enne trovato senza vita in auto a Villasanta

Torna su
MonzaToday è in caricamento