Morti per avvelenamento in Brianza, convocato per il ricovero anche il marito della donna deceduta

Nella giornata di martedì sono arrivati gli esiti delle analisi effettuate anche su altri quattro componenti della famiglia. Intanto le indagini proseguono

Foto repertorio

Sono arrivati gli esiti degli esami tossicologici per i campioni prelevati da alcuni componenti della famiglia e analizzati dal Centro Antiveleni di Pavia dopo le due morti imputabili a una intossicazione da tallio di una donna sessantaduenne e del padre di 94 anni ricoverati all'ospedale di Desio. 

Dopo il decesso di Patrizia Del Zotto e del padre della donna, nella giornata di martedì è stata ricoverata in ospedale anche la badante 57enne della coppia di anziani coniugi e sono stati sottoposti ad accertamenti anche altri cinque membri della famiglia allargata, residenti nella stessa palazzina a Nova Milanese. 

Gli esami hanno fatto emergere una "alta concentrazione di tallio nel marito della signora deceduta finora risultato asintomatico mentre sono negativi gli altri tre famigliari". L'uomo è stato così convocato per il ricovero presso il presidio di Desio per il monitoraggio delle condizioni cliniche.

Intanto l’autorità giudiziaria ha disposto l’autopsia per le due salme dei pazienti deceduti. E sono ancora in corso le indagini per capire l'origine di questo misterioso avvelenamento che sembra aver colpito la famiglia brianzola al rientro da una vacanza a Varmo, in una località in provincia di Udine. E’ stato ispezionato il fienile della casa vacanze di proprietà della famiglia che, secondo una prima ipotesi, poteva rappresentare una causa di avvelenamento per via dell’elevata concentrazione di escrementi di piccione (che contengono tallio). Più concreta invece sembra essere la possibilità che ad avvelenare la famiglia possa essere stato il cibo consumato o ancora l'acqua bevuta. E’ stato infatti ispezionato anche un pozzo artesiano vicino alla casa di campagna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dai soldi della 'Ndrangheta alla fortuna dei ristoranti: sequestrati "giro-pizza" e 9 arresti

  • Viaggiano su auto piena di oro e soldi: 30enni fermati e denunciati per ricettazione

  • I soldi della 'Ndrangheta per aprire ristoranti: sequestro da 10 milioni, 9 persone in manette

  • Lite e botte in strada tra due donne a Concorezzo: ragazza finisce in ospedale

  • Vimercate, sette ragazzini soccorsi da ambulanza a scuola per uno "strano" prurito

  • Sequestrata una villa da 800mila euro a Correzzana dalla Guardia di Finanza

Torna su
MonzaToday è in caricamento