Monossido killer: mercoledì l’autopsia sul corpo del dirigente di Misinto

Mercoledì mattina l'autopsia sul corpo dell'architetto

Una dose così massiccia di monossido di carbonio da risultate letale. E’ stata questa la causa della morte di Antonio Massaro, 54 anni, il dirigente dell’ufficio tecnico di Misinto morto nella sua villetta di via Pascoli a Cesano Maderno la sera dell’ultimo dell’anno.

A confermare la presenza di monossido di carbonio nei locali dell’abitazione sono stati i medici del 118. Anche i medici del Pronto Soccorso dell’Ospedale Niguarda di Milano hanno disposto il ricovero d’urgenza dell’intera famiglia (moglie 52enne e due figli di 18 e 14 anni) dopo aver riscontrato nel loro sangue la presenza di tracce di gas letale.

Mercoledì mattina sarà eseguita l’autopsia sul corpo della vittima: è possibile che la presenza massiccia di monossido di carbonio abbia acutizzato la presenza di patologie cardiache nel 54enne.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Verso la fermata Monza Parco Est, Rfi approva il progetto

    • Cronaca

      Scoperto e arrestato il ladro del ristorante immortalato in azione e finito sui social

    • Cronaca

      "Mi hanno aggredito e rubato il portafoglio", in via Mentana interviene la polizia

    • Cronaca

      K-Flex, ad Arcore il consiglio comunale dona ai lavoratori il gettone di presenza

    I più letti della settimana

    • Sesso con una prostituta dietro un cespuglio sotto le finestre, multa da diecimila euro

    • Si rifà il naso per 57mila euro, poi minaccia il medico: arrestato tronista di Uomini e Donne

    • Incidente in via Casati, auto si ribalta ad Arcore: soccorse tre giovanissime

    • Incendio in una rimessa alle porte di Monza, venti mezzi devastati dalle fiamme

    • Tragedia in vacanza, brianzolo travolto dal suo camper muore in mare

    • Sospetto malore per un uomo, 43enne trovato senza vita in auto a Villasanta

    Torna su
    MonzaToday è in caricamento