Mostra in Villa Reale per dire "Basta" alla violenza

Esposte le fotografie di Livio Moiana: i volti noti dello spettacolo per dire stop alla violenza con un grido simbolico

Alcuni scatti esposti alla mostra

Personaggi famosi ritratti senza sorriso, in bianco e nero, impegnati in un grido di disperazione che si eleva muto e arriva lontano per protestare contro ogni forma di violenza.

Gli scatti del fotografo Livio Moiana dal 18 febbraio all'8 marzo sono esposti in Villa Reale in occasione della mostra "Basta! Sostieni le vittime della violenza", organizzata dalla Onlus Tamara Monti e a cura di Le Cucine di Villa Reale, Associazione ArsIn e Associazione RestART.

"Tamara Onlus ha trovato un modo per sostenere le vittime anche quando le luci dei riflettori si sono spente. Anche quando le condanne, spesso miti, si sono svolte. Anche quando tutto tace. Tutto tranne il dolore devastante, corrosivo, onnipresente, ineliminabile, silenzioso, di chi resta. Un dolore muto come il grido cristallizzato in una fotografia, ma ricco di contenuti immensi" spiega Barbara Benedettelli, collaboratrice del progetto.

Con le fotografie esposte alla Reggia di Monza si vuole puntare l'attenzione sull'incubo muto che le vittime di violenza devono affrontare dopo il dramma e a loro si vuole dare sostegno e offrire una voce per dire "Basta" a quanto accade quotidianamente sotto i nostri occhi e passa spesso sotto silenzio. 

La mostra è visitabile presso gli spazi di Le Cucine di Villa Reale dal martedì alla domenica dalle 9 alle 24. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Monticello: trovati i due giovani che si sono schiantati sulla rotonda a 160 km/h

  • Bimba di 10 anni di Villasanta muore in un incidente mentre è in vacanza con i genitori in Tunisia

  • Guida una moto senza patente, revisione né assicurazione, multa da oltre 6mila euro

  • Autovelox in Lombardia, dove sono i controlli della velocità dal 9 al 15 settembre: le strade

  • Grave incidente a Monza di ritorno dopo motoraduno, l'appello: "Aiutateci a trovare il nostro angelo custode"

  • Niente più code per la scelta del medico di base e per le esenzioni: ecco il numero per le prenotazioni

Torna su
MonzaToday è in caricamento