Alcatel, sospiro di sollievo: licenziamenti evitati (per ora)

Trovato un accordo tra azienda e lavoratori: si parte con la cassa integrazione in deroga per cinque mesi. In questo periodo si continuerà a cercare una ricollocazione per tutti

Lavoratori in presidio a Vimercate (Foto da Fb, P. Occhiuto)

Un modo per prendere tempo. Un modo per non affossare definitivamente le speranze dei lavoratori. Il primo sorriso, seppur temporaneo, dopo mesi di paura e proteste. Giovedì sera, al termine di una giornata lunga e convulsa, è stato raggiunto un accordo, presso il ministero del Lavoro, a conclusione della procedura di mobilità avviata da Alcatel Lucent lo scorso venti febbraio. 

L’intesa, arrivata sul filo di lana nell’ultimo giorno utile, prevede che l’azienda utilizzi un periodo di cassa integrazione in deroga zero di cinque mesi - a partire dal sette maggio - per i ventiquattro lavoratori che erano in esubero. Non una garanzia per il futuro, certo. Ma di sicuro un margine di tempo più ampio per sperare ancora e per rimandare i licenziamenti che sarebbero stati immediati. 

I lavoratori che aderiranno alla mobilità entro il 7 luglio avranno un incentivo pari a quanto erogato finora - 26 mensilità col minimo di settantamila euro -, mentre i dipendenti che hanno già concordato l’uscita in mobilità, in aggiunta all’incentivo previsto, riceveranno una quota pari a cinque mensilità dell’indennità di cassa integrazione.

“Durante la cassa integrazione in deroga - fa sapere Gianluigi Redaelli, segretario generale della Fim Cisl Monza - si continueranno ad utilizzare gli stessi strumenti per la ricollocazione interna ed esterna, nonché per la riqualificazione professionale, fin qui utilizzati”.

“Siamo quindi giunti ad un accordo che in extremis evita i licenziamenti - sottolinea Redaelli - e che dà un ulteriore margine di tempo per la ricerca di una soluzione lavorativa per ciascun lavoratore e lavoratrice”.

Lavoratori che da mercoledì hanno iniziato un presidio permanente davanti alla sede dell’Alcatel Lucenti all’Energy Park di Vimercate, dove i quarantatré lavoratori a rischio licenziamento si sono radunati con tende e striscioni. Un primo risultato, per ora, lo hanno raggiunto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ponti tibetani della Lombardia dove portare i bambini

  • Brugherio, incendio nella notte nella pizzeria Lo Stregone: tre famiglie evacuate

  • Cesano Maderno, uomo investito mentre attraversa la strada: è gravissimo

  • Coronavirus, un solo nuovo contagio a Monza: sindaco incontra i gestori dei locali

  • Giovani ragazze costrette a prostituirsi in un club privato a Varedo: sette arresti

  • Incidente ad Agrate, schianto tra due auto in via Archimede: morta pensionata di Brugherio

Torna su
MonzaToday è in caricamento