A "Tu si que vales" il progetto PizzAut per aprire una pizzeria gestita da ragazzi autistici

L'iniziativa e la raccolta fondi erano partite dalla Brianza e dal Milanese

Una serata PizzAut

Tutto è iniziato con un'idea, una sfida per pensare al futuro che oggi sta per trasformarsi in realtà. E quel progetto nato da alcuni genitori di bambini e ragazzi autistici tra il Milanese e la Brianza, è entrato subito nei cuori di tantissime persone che hanno sostenuto e appoggiato l'iniziativa che punta a raccogliere fondi per aprire una pizzeria dove all'interno possano lavorare iagazzi autistici. 

Dopo aver conquistato i brianzoli e i milanesi ora PizzaAut si è fatto conoscere e amare anche da tutti gli italiani grazie alla partecipazione al talent show "Tu si que vales" e l'accesso alla finale.

Sabato 9 dicembre si giocherà il tutto per tutto in diretta su Canale5. In occasione della finale del talent sono state organizzate “serate Pizzaut” per vedere insieme la finale del programma. Spontaneamente i locali che sostengono il progetto hanno inviato i loro clienti a questa serata speciale. Bussero, Cernusco sul Naviglio, Segrate, Vignate, in provincia di Milano, ma poi Levata in provincia di Mantova e Saronno in provincia di Varese, e ancora a Viterbo e poi altre città si stanno aggiungendo in queste ore. Il voto di tutti sarà prezioso per agguantare la vittoria e il sogno di aprire la prima pizzeria in cui lavoreranno persone autistiche.

“Grazie alla prima puntata di Tu Si Que Vale a settembre, PizzAut ha avuto una possibilità eccezionale di farsi conoscere. Siamo stati contattati da decine e decine di persone da tutta Italia che hanno offerto un aiuto, mandato un messaggio di incoraggiamento oppure chiesto un sostegno. Insomma dobbiamo molto a quella puntata” - afferma Nico Acampora papà di Leo, bimbo autistico di 9 anni e anima del progetto con altri genitori, “Per la finale abbiamo radunato intorno a noi molte più persone di quelle che ci potevamo immaginare. Interi Comuni italiani hanno aderito e organizzato per il 9 dicembre una serata Pizzaut in cui tutti i nostri sostenitori guarderanno insieme la finale del programma in diretta e voteranno gustandosi una pizza”.

Cos’è e cosa sarà PizzAut

PizzAut è un laboratorio di inclusione sociale pensato per i ragazzi affetti da autismo. Si tratta di un progetto che ha come obiettivo aprire una pizzeria in cui le persone con autismo potranno lavorare, affiancati da professionisti della riabilitazione e della ristorazione. Troppo spesso i ragazzi con autismo sono esclusi dalle professioni e dalle relazioni sociali, e i genitori di bimbi con autismo lo verificano ogni giorno sulla propria pelle e soprattutto su quella dei ragazzi. Per questa ragione questo gruppo di genitori di bimbi autistici ha ideato, inizialmente quasi per gioco, PizzAut che oggi da sogno si sta pian piano trasformando in realtà. PizzAut sarà un locale per la famiglia ma anche per i giovani, un luogo dove stare bene e divertirsi con prodotti di qualità, un locale dai tempi lenti dove non bisogna andare a mangiare una pizza in 5 minuti. Ma un locale dove incontrarsi con la calma che serve alle relazioni per crearsi e consolidarsi, lontano dalle frenesie che mettono in difficoltà chi è affetto da autismo ma che in generale fanno male a tutti.

NIco_Acampora_i_ragazzi_di_pizzaut-2

(Nico Acampora con i ragazzzi di PizzAut)

Potrebbe interessarti

  • Dove dormire in una casa sull’albero, a meno di due ore da Monza

  • La scopa elettrica senza fili conviene per davvero?

  • Il colore di capelli più cool dell’estate? È l’Icy White

  • Fuga da Monza: in mountain-bike da Paderno al traghetto di Leonardo

I più letti della settimana

  • Grosso incendio alla stazione di Monza: fumo in tutta la zona

  • Incidente mortale a Seveso: muore ragazzo di 18 anni

  • Chiude i cani al buio nel box e parte per le ferie: liberati da Enpa e polizia locale

  • Pauroso incidente in tangenziale Est: donna infilzata, gravissima

  • Incidenti, violento schianto auto-moto: gravi un 17enne e una 13enne

  • Ubriaco fradicio mentre lavora, provoca 3 incidenti e poi scappa

Torna su
MonzaToday è in caricamento