Tre ponti ciclopedonali sulla Milano-Meda da chiudere: "Sono poco sicuri"

Si tratta di tre manufatti a esclusiva percorrenza ciclo-pedonale situati nei comuni di Varedo e Seveso

Uno dei ponti sulla Milano-Meda (Immagine di repertorio)

Tre ponti da chiudere. La Provincia di Monza e della Brianza, nell’ambito dell’operazione Ponti Sicuri, ha inoltrato ai comuni di Varedo e Seveso (dove si trovano i manufatti interessati dal provvedimento) le lettere per richiedere la chiusura di alcuni cavalcavia ad uso ciclopedonale lungo la superstrada Milano – Meda.

Al termine dei controlli sui trentasei ponti collocati lungo la tratta, è stato infatti stilato un elenco di provvedimenti da intraprendere nel breve e medio termine, tra cui l’esecuzione di lavorazioni di risanamento da annoverare nelle programmazioni progettuali e la chiusura di alcuni cavalcavia ciclopedonali, che non garantiscono sufficienti condizioni di sicurezza.  

Durante sopralluoghi effettuati da parte dei tecnici è stato riscontrato un “diffuso degrado con particolare riferimento alla pavimentazione ammalorata e sconnessa, oltre che ai dispositivi in alcuni punti scorrettamente ancorati”.

La Provincia ha avviato le lavorazioni di fissaggio e messa in sicurezza delle reti di protezione e delle barriere di ritenuta, oltre che di sigillatura delle fenditure dei giunti trasversali e ha poi deciso di chiedere ai Comuni competenti la definitiva interdizione di tre ponti al traffico pedonale, ciclabile e veicolare, tramite apposizione di idonei dispositivi di chiusura e segnaletici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I ponti da chiudere

Tra i ponti coinvolti dal provvedimento di chiusura c’è il ponte 5 SP35 in via Monte Tre Croci di Varedo: si tratta di un cavalcavia ad esclusivo transito ciclopedonale di connessione tra via comunale e campi. Il cavalcavia non è ricompreso nella tratta B2 della futura Pedemontana e in futuro la Provincial ne programmerà la definitiva soppressione. Da chiudere anche il ponte 21 in via dei Vignee di Seveso, un cavalcavia ad esclusivo transito ciclopedonale di connessione tra via comunale e il Bosco delle Querce. Il cancello di accesso al bosco delle querce è da tempo chiuso: la richiesta della Provincia è di fatto una richiesta di formale completa interdizione del ponte, volta ad evitarne un utilizzo improprio e differente dal passaggio. Il cavalcavia è ricompreso nella tratta B2 della futura Pedemontana: in fase di realizzazione della infrastruttura il cavalcavia verrà definitivamente soppresso e non più realizzato. A Seveso verrà chiuso anche il ponte 22 in via della Roggia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I luoghi (che non tutti conoscono) dove fare il bagno in Lombardia

  • Brugherio, incendio nella notte nella pizzeria Lo Stregone: tre famiglie evacuate

  • Coronavirus, un solo nuovo contagio a Monza: sindaco incontra i gestori dei locali

  • Giovani ragazze costrette a prostituirsi in un club privato a Varedo: sette arresti

  • Spostamenti fuori regione, la Lombardia rischia di restare "chiusa" altre due settimane

  • Monza, è morta Rossana Lorenzini, la mamma di Pippo Civati

Torna su
MonzaToday è in caricamento