mercoledì, 17 settembre 20℃

Resta a Milano il processo Ruby con Fede, Mora e Minetti

Respinto il ricorso delle difese che chiedevano il trasferimento a Monza. Il procedimento, allo stato, non puà essere valutato nel merito: bisogna attenersi ai capi d'imputazione. Così i magistrati della Quinta Sezione Penale di Milano

Redazione 17 febbraio 2012


Resta a Milano il processo a Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Minetti. I giudici della Quinta sezione penale, presieduti da Annamaria Gatto, hanno rigettato questa mattina  la richiesta delle difese di trasferire il procedimento a Messina o a Monza: nella fase in cui  è il procedimento, obiettano i magistrati, non è possibile entrare nel merito e bisogna attenersi ai capi d'imputazione: quindi, alla ricostruzione dell'accusa secondo cui l'induzione alla prostituzione sarebbe avvenuta a Milano. Le difese hanno anche preso atto del provvedimento depositato nei giorni scorsi con cui il Tribunale respinse la richiesta di riunire il processo a carico dei tre imputati con quello a carico di Silvio Berlusconi.

Annuncio promozionale

ruby

Commenti