Presidio sotto la sede della Provincia e ultimo tentativo in extremis per scongiurare i tagli

Cittadini, residenti e studenti pronti a continuare la mobilitazione per opporsi alla soppressione delle due linee di autobus. Ponti: "Chiederò un'altra proroga tecnica dei contratti in vigore per scongiurare i tagli"

La protesta dei pendolari fuori dalla sede della Provincia di Monza e della Brianza (Foto postata su Facebook dal consigliere della Lega Nord Andrea Monti)

Studenti, genitori arrabbiati e residenti domenica mattina si sono dati appuntamento fuori dalla sede della provincia di Monza e Brianza, in via Grigna, per protestare contro l'annuncio della soppressione delle due linee di autobus Z225 e Z227, che dal 1 febbraio 2017 interromperanno il servizio lasciando a piedi circa 10mila utenti tra Monza, Muggiò, Lissone, Nova Milanese, Sesto San Giovanni e Cinisello Balsamo.

Mentre il presidio, munito di striscioni, slogan e voglia di farsi ascoltare, manifestava fuori dalla sede dell'ente, una delegazione di rappresentanti è stata ricevuta dal presidente Gigi Ponti e dal suo vice Roberto Invernizzi. Ai due rappresentanti della provincia brianzola sono state esposte le motivazioni della protesta, sottolineando "la perplessità delle scelte evidenziate e in particolar modo la razionalizzazione dichiarata nel Decreto del 29.12.2016, contestando i criteri con cui sono state fatte scelte e tagli".

Nonostante all'appello manchino 1,8 milioni di euro per garantire il servizio nel 2017 è lo stesso Presidente Gigi Ponti ad annunciare battaglia: “Chiederò un’altra proroga tecnica dei contratti in vigore per scongiurare i tagli già programmati dal prossimo 1 febbraio” ha fatto sapere lunedì mattina il Presidente della Provincia MB a poche ore dall’incontro con i rappresentanti dell’Agenzia del trasporto pubblico, programmato a Milano in mattinata.

“Chiederò ancora una volta a Città Metropolitana di partecipare alla spesa per scongiurare la soppressione dei bus, mentre inviterò l’Agenzia a temporeggiare almeno fino alla primavera: impiegheremo queste settimane per chiedere un intervento risolutivo a Regione Lombardia, sapendo che in mancanza di risorse la strada è già segnata”, ha aggiunto il Presidente Ponti.

L'Associazione Taccona intanto annuncia che darà battaglia e proseguirà la propria mobilitazione social e citttadina per risolvere la questione e garantire nuovamente il servizio di trasporto pubblico a quanti oggi rischiano di restare a piedi. Prosegue la raccolta firme organizzata capillarmente sul territorio che a Nova Milanese in pochi giorni ha già sfiorato le 1812 firme (online oltre 1500) e per martedì 10 gennaio alle 21 presso la sede dell'Associazione Taccona in via Sondrio 24 è in programma un incontro pubblico sul tema. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I luoghi (che non tutti conoscono) dove fare il bagno in Lombardia

  • Brugherio, incendio nella notte nella pizzeria Lo Stregone: tre famiglie evacuate

  • Coronavirus, un solo nuovo contagio a Monza: sindaco incontra i gestori dei locali

  • Spostamenti fuori regione, la Lombardia rischia di restare "chiusa" altre due settimane

  • Giovani ragazze costrette a prostituirsi in un club privato a Varedo: sette arresti

  • Monza, è morta Rossana Lorenzini, la mamma di Pippo Civati

Torna su
MonzaToday è in caricamento